Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Morì con un ago nei polmoni: indagati sette medici dell'ospedale

La vittima Vincenzo Bosco Il 39enne Vincenzo Bosco

Omicidio colposo. E' questa l'accusa che la Procura contesta a sette medici dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia per la morte di Vincenzo Bosco, il 39enne deceduto il 26 aprile dello scorso anno dopo essere stato sottoposto ad anestesia prima di un intervento al setto nasale. Quattro giorni prima del decesso, Bosco, era stato ricoverato in day surgery perché doveva sottoporsi a un banale intervento al naso. Per questo motivo si trovava in otorinolaringoiatria. Per la Procura, da parte dei sette medici indagati, ci furono "condotte colpose omissive autonome, negligenti e imprudenti"...

Francesca Marruco, classe 1980, giornalista professionista è redattrice al Corriere dell'Umbria. Si occupa principalmente di cronaca nera e giudiziaria. Dalla pandemia in poi, che ha costretto tutti ...