Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, reati fallimentari: denunciato amministratore di una srl. Sequestrati documenti e autocarri

guardia di finanza

Bancarotta fraudolenta aggravata. I finanzieri del comando provinciale di Perugia, sotto la direzione della Procura di Spoleto, hanno svolto una articolata indagine dopo l'apertura della liquidazione giudiziale (ex fallimento) dichiarata dal Tribunale di Spoleto nei confronti di una srl della provincia. L'amministratore era stato già denunciato in passato dalle Fiamme Gialle di Foligno per plurime violazioni aggravate in materia di reati fallimentari.
Le indagini hanno permesso di acclarare ulteriori comportamenti penalmente rilevanti di bancarotta fraudolenta aggravata. Oltre alla mancata consegna dei libri contabili obbligatori è stata accertata la sottrazione di beni mobili come autocarri, rimanenze di magazzino e soldi per un valore complessivo di circa 110 mila euro. Sono stati rilevati, inoltre, ingenti debiti della società per oltre 250 mila euro, nonché l'iniziale irreperibilità dell'amministratore e la sua mancata collaborazione con il curatore fallimentare.
Al fine di rintracciare i documenti contabili, i beni sottratti e gli autocarri distratti, nella immediatezza dell'apertura della liquidazione giudiziale, sono state effettuate perquisizioni nei locali dell'amministratore pro-tempore, con il conseguente sequestro di documentazione utile alle indagini nascosta all'interno in un'autovettura, oltre che di apparati informatici il cui contenuto è ancora al vaglio degli inquirenti. L'autorità giudiziaria condividendo pienamente la strategia investigativa, ha dapprima emesso un decreto di sequestro preventivo degli stessi autocarri e successivamente richiesto l'adozione di misure cautelari idonee a prevenire la reiterazione dei medesimi fatti. Il giudice per le indagini preliminari, considerati i gravi indizi di colpevolezza e il concreto pericolo di reiterazione del reato in materia di reati fallimentari, ha accolto la richiesta di misura cautelare interdittiva nei confronti dell'indagato disponendo la pena accessoria dell'inabilitazione all'esercizio e all'incapacità di esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa, disponendo nel contempo il sequestro dei due autocarri, già eseguito dai finanzieri.