Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, aggressione al carcere di Capanne: vice comandante colpito al volto da un detenuto

carcere capanne Il carcere di Capanne

Detenuto si scaglia contro il vice comandante della polizia Penitenziaria. L'aggressione è avvenuta al carcere di Capanne nella giornata di sabato 17 febbraio. Il carcerato è un tunisino di 30 anni già autore di altre aggressioni agli agenti. Era in attesa di essere trasferito in un altro istituto penitenziario nella Toscana, quando è stato raggiunto da un gruppo di poliziotti per essere ammanettato. Il vice comandante era accorso in supporto ai colleghi ma è stato colpito da un violento pugno sul volto. Il peggio è stato scongiurato grazie al tempestivo intervento degli altri agenti. Il vice comandante, trasportato all'ospedale di Perugia, ha riportato un trauma facciale con 15 giorni di prognosi. "Questo nuovo evento critico - scrive in una nota Uilpa (Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione) -, rispecchia la reale situazione in cui versa l'istituto perugino, con un'altissima presenza di detenuti psichiatrici e una carenza gravissima di organico. Non è possibile, sottolinea il sindacalista che questi detenuti con gravi problemi psichiatrici vengano gestiti per la maggior parte dai poliziotti penitenziari, che oltre ad operare sotto organico, non hanno competenze e tantomeno formazione specifica, ma dovrebbe essere potenziato il servizio psichiatrico con specialisti medici all'interno di ogni struttura penitenziaria con un servizio assistenziale continuativo. La segreteria regionale della Uilpa - continua - chiede un urgente intervento del Direttore Generale del Personale dell'amministrazione Penitenziaria Dr. Massimo Parisi, considerato che il Provveditore del distretto Umbria-Toscana si ostina a non comprendere la situazione in cui i poliziotti Penitenziari di Perugia sono costretti ad operare, svolgendo turni massacranti anche di 16 ore consecutive, senza un briciolo di sicurezza per la propria incolumità personale, auspicando al Vice Comandante una pronta guarigione".