Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Umbria, Commissione Ue annuncia semplificazione Pac. Confagricoltura sarà presente a Bruxelles

unione europea

La commissione Ue annuncia la semplificazione della Pac, Politica Agricola Comune, elemento scatenante delle protesta degli agricoltori che ha invaso le principali nazioni dell'Unione Europea, Italia e regione Umbria comprese. Confagricoltura Umbria è fiduciosa e parteciperà alla presentazione a Bruxelles, il 26 febbraio, della proposta che promette di ridurre gli oneri amministrativi che gravano sui produttori. All'evento sarà presente il presidente di Confagricoltura Umbria, Fabio Rossi: "Avremo così l'occasione per esprimerci in tempo reale sulle proposte della Commissione. Quello del sovraccarico burocratico è uno dei temi prioritari che abbiamo portato all'attenzione delle Istituzioni di Bruxelles. Sulla Pac, la nostra posizione è stata di natura strategica perché abbiamo fin da subito dichiarato che gli accordi raggiunti hanno portato a una riforma non solo estremamente complessa, ma soprattutto inadeguata alle reali esigenze di produttività e competitività delle imprese agricole. Una Pac scellerata perché dare soldi a tutti non serve a niente e soprattutto non serve darli a chi non fa l'agricoltore di professione e in questo momento bisogna supportare solo chi produce. Stiamo lavorando - continua il presidente Rossi - con il Parlamento e la Commissione Ue e con il Ministero dell'Agricoltura, che ha istituito, su nostra richiesta, due tavoli di confronto per concordare le opportune modifiche. Intanto, continuiamo anche a lavorare per migliorare la proposta già presentata di deroga alla destinazione non produttiva dei terreni. Occorrono modifiche incisive perché la deroga sia effettivamente operativa in tutti gli Stati membri. Altra cosa da fare è tenere in considerazione il tema della tracciabilità. Garantire valore aggiunto ai produttori é possibile tracciando la filiera che deve essere tutta Made in Italy e utilizzare quindi solo materie prime italiane" ha concluso Rossi.

Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...