Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

La protesta dei trattori, l'europarlamentare Peppucci: "Dobbiamo ripartire dagli agricoltori"

Francesca Peppucci L'europarlamentare Francesca Peppucci

"Ci troviamo di fronte ad una evidente verità: se gli agricoltori fossero stati rispettati, se fosse stato rispettato il loro lavoro, non ci sarebbero stati centinaia di trattori la scorsa settimana a Bruxelles, non ci sarebbero stati centinaia di trattori oggi a Strasburgo, non ci sarebbero state decine e decine di manifestazioni in tutta Europa". Sono parole dell'europarlamentare Francesca Peppucci (Fi, Gruppo Ppe), pronunciate durante la plenaria a Strasburgo. "Il problema non è la transizione ecologica o la necessità di tutelare l'ambiente (anche perché gli agricoltori sono i primi che rispettano la natura e che vivono grazie alla natura) ma il problema sono le scelte ideologiche, quelle scelte ultra-ambientaliste che non sono basate su un'evidenza scientifica, che non danno un'alternativa e che mettono in difficoltà un intero settore economico". Peppucci ha spiegato che "la strada non può essere quella di mettere a riposo i terreni, preferire carne in provetta mentre gli agricoltori non riescono ad avere quanto dovuto per il lavoro che hanno svolto. O peggio ancora come avviene in Italia, agricoltori che non raccolgono i loro prodotti perché non riescono a ripagare i costi. E' necessario ripartire dal rispetto del settore agricolo, puntando ad obiettivi realmente raggiungibili e ad un'agricoltura moderna, competitiva nel panorama mondiale".