Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

L'informazione politica in diretta

sede corriere dell'umbria

Una nuova sfida per il Corriere. Un nuovo servizio per gli umbri. Radio Corriere dell'Umbria, che il 30 aprile scorso ha avviato le trasmissioni in via sperimentale, entra nel vivo. Lo fa con una Maratona elettorale, condotta in diretta dalle 23.30 di domani, sul canale Dab ricevibile, nelle province di Perugia e Terni, dalle radio abilitate al segnale digitale e via streaming. Nella home page del sito www.corrieredellumbria.it già trovate disponibile il link per l'ascolto. E, se vi collegate da uno smartphone, il link vi appare automaticamente nella schermata del nostro sito, in basso. E' un passo in più verso una programmazione radiofonica che, prossimamente, sarà completa e particolarmente articolata. Nel frattempo è stata già ampliata l'offerta musicale che, a regime, verrà affiancata da ampi spazi dedicati all'informazione, soprattutto locale: dalla cronaca alla politica; dall'economia allo sport. La volontà è anche quella di offrire dibattiti politici, interviste, dirette in occasione di eventi di rilievo, programmi di intrattenimento, rubriche e podcast. Sul perché si chiama Radio Corriere dell'Umbria, visto che siete già lettori di questo giornale, non ci sarebbe alcunché da spiegare. Ma sul perché non si chiama Radio Gruppo Corriere, invece, qualcosa va detto: l'Umbria è la regione dove è nato il primo quotidiano del gruppo; l'Umbria è la regione dove questo quotidiano è leader, indiscusso, per vendite, diffusione e numero di lettori; l'Umbria è dove il Corriere concentra, al momento, tutti i suoi sforzi per fare del giornale non solo un punto di riferimento dell'informazione, ma una vera e concreta agorà virtuale dove l'intera regione possa trovarsi, confrontarsi e riconoscersi ogni giorno in un dialogo aperto ed equilibrato a tutte le sue forze, ai suoi personaggi, alle sue personalità, ai suoi cittadini. E, quindi, la parola Umbria, per il nome della nuova radio, l'abbiamo voluta per marcare il valore del territorio al quale apparteniamo con orgoglio. Ma il Corriere appartiene, ovviamente, anche ad Arezzo, a Siena e alla Maremma, dove offriamo la nostra informazione e dove usciamo in edicola e/o online con testate specifiche. Per cui oggi, intanto, come Gruppo Corriere stiamo creando Radio Corriere dell'Umbria. E domani, chissà... Di progetti ne abbiamo ancora tanti. E la multimedialità, nel mondo dell'informazione, non impone più confini. Buon ascolto a tutti, oltre che buona lettura. E da oggi, permettetemi anche di aggiungere: cari amici, vicini e lontani.

Sergio Casagrande inizia l'attività giornalistica all'età di 14 anni, nel 1981, come collaboratore de Il Tempo e della Gazzetta di Foligno. E' stato il più giovane pubblicista (1985), il più giov...