Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Nuova Captur, al top di gamma l'ibrido E-Tech da 145 Cv

Renault-Capture-1

Abbiamo già parlato della nuova Renault Captur, ma ora abbiamo più notizie per la prova su strada e vogliamo tornarci sopra. Vogliamo evidenziare, ancora una volta, che siamo al cospetto di un'auto "Vera", non nel senso che le altre sono "Finte", ma di un mezzo costruito per essere guidato "Sul serio", senza limitazioni da presa di corrente. Siamo al cospetto di un bel semi Suv da 4.239 mm di lunghezza (poco più di una Clio), ma con un vano bagagli, che va dai 616 ai 1.596 litri (circa, secondo motorizzazioni). Diamo subito uno sguardo al pacchetto tecnologico, che troviamo a bordo, perché ci sono tante novità. Innanzitutto, c'è un pulsante "Miracoloso", il "My Safety Switch". Tutte le auto, ormai, come è giusto che sia, sono stracolme di dispositivi di sicurezza, gli Adas, che però, alle volte, tendono ad imporsi in maniera, diciamo, un po' troppo autoritaria, soprattutto per quella generazione di guidatori "Non nativa". Tu vuoi rientrare dopo un sorpasso, magari dimentichi la freccia e l'auto di ributta, a volte con violenza inaudita, fuori rotta. Questa è solo una delle conseguenze di un'elettronica troppo invasiva. In questo caso, viva Dio, si possono personalizzare i 5 Adas fondamentali e, con un solo pulsante, attivare e disattivare, tutte le personalizzazioni contemporaneamente, non c'è più bisogno di selezionarli uno per uno.
Sempre a proposito di Adas, troviamo anche un sistema di guida ibrida predittiva, che sfrutta al massimo l'utilizzo dell'elettrico, in funzione dei dati topografici (calcola 7 km), abbinato ad un "Predictive Eco Driving Advice", una sorta di coach, che ti bacchetta se guidi male e ti assegna un punteggio. Su alcune versioni, c'è anche un utilissimo Grip Control, che agendo sulle ruote anteriori (quindi non ci sono cinematismi integrali, che comunque generano maggiorazione di consumi), può settare la risposta su: Snow (neve) e All-terrain (fuoristrada). Non manca l'OpenR Link, ove in dotazione, con Google integrato, che offre: Google Maps, Google Assistant ed anche il catalogo Google Play (che consente di accedere e scaricare oltre 50 App). A livello di look, si nota soprattutto il nuovo cofano rialzato, con una calandra sfaccettata ed i proiettori sono Full led (su tutti gli allestimenti). Secondo versioni, la strumentazione è affidata ad un driver display, che può arrivare a 10,25 pollici, più grosso del tablet centrale, posizionato verticalmente, da 10,4 pollici, compatibile, in modalità wireless, con Android ed Apple e aggiornabile on-line. Simpatiche le due nuove sequenze di benvenuto, soprattutto quella specifica per la versione ibrida.
Diamo uno sguardo alle motorizzazioni, soprattutto all'E-Tech, che conosciamo bene e che abbiamo provato su molteplici modelli. Le auto, con questa avanzatissima soluzione tecnica, si guidano molto bene e si trovano particolarmente a loro agio, soprattutto nei centri urbani, dove l'intervento dell'elettrico, che si ricarica in decelerazione e frenata, arriva all'80%, con vantaggi, facilmente immaginabili, sui consumi. Quest'ultima versione eroga 145 Cv, ripassiamo i fondamentali: 4 cilindri benzina da 1.6 litri supportato da due elettrici, uno agisce dando coppia alle ruote per la trazione, l'altro aziona il cambio e supporta il termico; il cambio, poi, difficile trovare di meglio, è via di mezzo tra un meccanico ed un CVT, gira su ingranaggi ed ha 6 rapporti (2 in elettrico e 4 meccanici). L'ingresso in gamma è rappresentato dal Tce benzina, 3 cilindri, da 90 Cv, con cambio manuale a 6 rapporti, disponibile anche in versione bifuel Gpl, con 10 Cv in più. Rivisto anche l'assetto: assali e settaggi degli ammortizzatori.
Queste le versioni: la Evolution ha già i cerchi da 17", le protezioni sottoscocca ed i profili dei cristalli in nero lucido; sulla Techno i cerchi crescono a 18" ed i profili diventano opachi; la Esprit Alpine monta cerchi da 19 ed ha una lama aerodinamica. L'auto è prodotta presso lo stabilimento di Valladolid, sarà commercializzata a partire dalla metà di giugno ed i prezzi vanno dai 22.500 ai 30.150 euro.

Renault-Capture-2
Renault-Capture-3
Renault-Capture-4
Renault-Capture-5

Giovanni Massini, romano, classe 1956, professionista, laureato in Legge nel 1979. Inizia a scrivere di motori, infrastrutture e trasporti nel 1990, per diventare presto capo redattore, presso la rivi...