Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

La nuova Quashqai fa il pieno di tecnologie digitali: c'è anche il "Vano motore trasparente"

Nissan.Qasqhai-1

Il progetto è iniziato nel 2002 e dopo 5 anni, nel 2007, la Quashqai ha debuttato ufficialmente, aprendo le porte ad una nuova tipologia di auto, che avrebbe conquistato il mercato. Stiamo parlando di Suv, o Crossover, c'è poca differenza, un segmento che sembra non conoscere crisi e che, ormai, copre più del 40% delle vendite totali, oltre il 50% qui da noi. Calcoliamo che la Quashqai resta leader mondiale del segmento, soprattutto di vendite a privati, con oltre 4 milioni di unità, di cui oltre 400.000 proprio qui in Italia. Oggi parliamo dell'ultimo aggiornamento, basato sempre sulla terza generazione, fortemente trainato dalla motorizzazione e-Power, scelta dal 50% dell'utenza. Un aggiornamento votato soprattutto ai contenuti, visto che in Italia, il 70% dei clienti sceglie versioni alto di gamma. Per quanto riguarda il futuro, Nissan ha annunciato che: entro il 2030 dovrebbe pareggiare il costo tra elettrificate e termiche e che entro il 2026, dovrebbe commercializzare 26 modelli elettrificati e 14 ICE (motori termici: Internal Combustion Engine).
Eccoci a noi, ma prima di salire a bordo, come di consueto, vediamo di ripassare l'aspetto più innovativo di quest'auto: l' e-POWER, che abbina un motore termico, in questo caso un benzina di 1.5 litri da 158 Cv, ad un elettrico da 190 Cv, con 330 Nm di coppia, solo con trazione anteriore. Il termico non dà mai trazione alle ruote, ma funge da generatore di corrente, girando sempre a regime costante, il che limita fortemente consumi ed inquinamento. Ora una considerazione è dovuta, altrimenti il compito di noi giornalisti esperti di settore, si limiterebbe soltanto a riportare dati tecnici, conditi da qualche impressione, ma esistono dati "Oggettivi", che bisogna conoscere. Per quanto l'elettrico puro, nonostante i trionfalistici proclami di alcune case costruttrici e di alcuni Vip, poco informati, si tratta di un giochetto ancora per pochi eletti. Questo momento di transizione è appannaggio di motorizzazioni ibride, ma c'è ibrido ed ibrido. Stante questa insensata demonizzazione dei diesel di ultima generazione, la parte termica degli elettrificati, è affidata quasi solo ad unità a benzina, che per produrre fumi di scarico effettivamente poco inquinanti, hanno bisogno di catalizzatori. Un catalizzatore non è filtro, un tappo che comunque fa il suo dovere sempre, è un vero e proprio laboratorio chimico ambulante, che per funzionare a dovere necessita, soprattutto, di una temperatura prossima ai 500/600 gradi. Questo e-Power utilizza uno schema ottimale, sotto il punto di vista ecologico ed economico, perché il motore termico gira quasi sempre a regime costante, senza picchi eccessivi, quindi contiene fortemente i consumi e mantiene la sua temperatura costante.
La nuova Quashqai, dunque, insiste sempre sulla piattaforma CMF-C. Restano invariate anche le dimensioni (4.425 mm). Si nota molto il nuovo frontale, con nuovi fari, dal look più tagliente, dotati di un nuovo modulo abbagliante e con una griglia ispirata alle antiche armature dei Samurai, tutta la carrozzeria, inoltre, alterna la tinta base a finiture in nero lucido. Il posteriore, a partire dalla nuova versione N-Design (con cerchi da 20"), quella che si prevede come il core-business di gamma, monta fari posteriori, che lasciano intravedere quattro elementi singoli. La versione N-Connecta monta di serie cerchi da 18", ma volendo, come anticipato, ce ne sono da 19 e da 20. Internamente, abbondano gli inserti in Alcantara e restano i due schermi da 12.3", per strumentazione (ora cambia colore in base alla modalità di guida selezionata) e display centrale. A bordo, troviamo la suite di Google integrata, che risponde al classico richiamo "Hey Google" e che consente l'accesso alla smart home Alexa di Amazon.
E' ora di metterci al volante. Siamo nella zona di Faro, Portogallo ed in tutto facciamo, in due giorni, circa 300 km, tra tratti urbani, autostradali e tornanti. Una prima considerazione: si nota un deciso aggiornamento del software, rispetto alla precedente versione, ora non si percepisce quasi più l'accensione del termico. I consumi sono davvero ottimi, noi siamo rimasti su una media di circa 20 km/litro, tanta roba, per un crossover di queste dimensioni. Ben leggibile l'head-up display. La nostra N-Desig, poi, ha il retrotreno con sospensioni Multilink (montate su tutte le e-Power, sulla 4x4 e, comunque, su tutte le versioni che hanno i cerchi da 20") e nei trasferimenti di carico, in curva, si sente. Tra gli inserti tecnologici più interessanti le quattro telecamere perimetrali, che riproducono una vista dall'alto a 360°, in 3D e non solo: si possono selezionare singolarmente le 8 viste singole, tra anteriore e posteriore, le 2 laterali e quelle dei 4 angoli della vettura. C'è anche la funzione "Cofano trasparente", che ti fa vedere sotto l'auto, per individuare eventuali ostacoli nascosti, molto utile in fase di parcheggio (i marciapiedi) o su strade di campagna. Gli Adas sono poco invasivi e ti consentono di governare l'auto, anche con tutti i sistemi attivati.
Ricordiamo che restano in gamma le versioni mild-hybrid, anche la 4x4, motorizzate con un 1.3 benzina, con sistema a 12 V e batteria al litio, montata sotto il pianale, declinato in due livelli di potenze: 140 Cv, con 240 Nm di coppia, disponibile solo con cambio manuale e trazione anteriore; 158 Cv, con 260 Nm di coppia in manuale e 270 in automatico (un cambio Xtronic di tipo Cvt, ma a controllo elettronico), disponibile sia con trazione anteriore, che integrale. Gli allestimenti sono 5: Acenta, N-Connecta, N-Design (già ha i cerchi da 20"), Tekna e Tekna+. L'auto arriverà a breve, ma per i prezzi, bisogna aspettare ancora un mesetto.
PAGELLA
POSTO GUIDA OTTIMO
ABITABILITA' OTTIMA
BAGAGLIAIO OTTIMO
PRATICITA' BUONA
MOTORE OTTIMO
PREZZO BUONO

Nissan-Qashqai-2
Nissan.Qashqai-2
Nissan.Qashqai-4
Nissan.Qashqai-5

Giovanni Massini, romano, classe 1956, professionista, laureato in Legge nel 1979. Inizia a scrivere di motori, infrastrutture e trasporti nel 1990, per diventare presto capo redattore, presso la rivi...