Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Motori, nuova Q7: diesel e benzina in gamma, più avanti una plug-in

Suv-Audi-Q7-1

L'Audi Q7 è un mega Suv, che ha iniziato il suo percorso al Motor Show di Detroit, come concept Audi Pikes Peak quattro, per poi approdare a Francoforte, all'IAA, del 2005, in versione definitiva. Oggi, la casa dei quattro anelli rimette le mani su questo bestione, lungo più di 5 metri, ma nulla di eclatante, qualche ritocco estetico ed un discreto upgrade tecnologico, senza stravolgerne l'anima integrale. Disponibili versioni a 5 o 7 posti, con un enorme bagagliaio, che va dagli 867 ai 1.993 litri. Il portellone elettrico è di serie, ma solo "Optional" (troppi, a nostro avviso, gli optional, per un'auto di questa caratura) il comando gestuale, con il movimento del piede. Diciamolo subito: niente versione 100% elettrica e, non solo, in gamma restano due diesel di quelli seri, grossi e potenti. Ma con che coraggio, ci chiediamo noi, le istituzioni nazionali e ripetiamo "Solo Nazionali", osteggiano dei super motori a gasolio, come quelli montati su questo modello, ma ne consentono la vendita. Fatto sta, che in Germania, i motori diesel ricominciano a guadagnare terreno. Vediamo cosa cambia a livello estetico: una nuova griglia, con inserti verticali a goccia per le versioni d'ingresso e Business Advanced e ad "L" per le varianti S line edition e SQ7 TFSI; nuove prese d'aria frontali, più ampie; terminali di scarico ridisegnati; modanature a contrasto per i paraurti, le portiere e l'estrattore, sull'allestimento S line; nuovo disegno per i proiettori. A richiesta, poi, c'è il pacchetto "Look nero".
Spendiamo qualche riga sui nuovi proiettori "LED Audi Matrix HD", anteriori, con "Spot laser", riconoscibili dal marcatore blu, in grado di garantire una lunghezza d'onda di 450 nanometri, che raddoppia il raggio d'azione degli abbaglianti. Lo "Spot laser" si attiva solo a partire dai 70 km/h e, comunque, riconosce veicoli cui può dare noia e si regola di conseguenza. I gruppi ottici posteriori OLED, inoltre, qualora un utente della strada si avvicini a meno di due metri dall'auto, accendono tutti i segmenti. Aumenta la dotazione, fin dall'ingresso, con: regolazione elettrica dei sedili anteriori, chiave comfort e pacchetto illuminazione diffusa plus. Se volete qualche altra cosetta, come app varie, ve le pagate oppure scegliete un allestimento più premium, come il Business Advanced. Aumentano anche le possibilità di personalizzazione.
Eccoci alla gamma motori, che vede protagoniste 3 unità di 3.0 litri, 6 cilindri a "V", due diesel ed un benzina, accomunate dalla tecnologia mild-hybrid a 48 Volt: la 45 TDI eroga 231 CV, con 500 Nm di coppia, accelera da 0 a 100 km/h in 7,1 secondi, per 226 km/h di velocità massima; la 50 TDI di Cv ne tira fuori 286, con 600 Nm, per uno 0-100 da 6,1 secondi ed una velocità massima di 241 km/h (come se, qui da noi, ci si potesse andare); la 55 TFSI benzina eroga 340 CV, con 500 Nm e qui lo 0-100 si fa interessante, 5,6 secondi, per una velocità massima autolimitata di 250 km/h. Tutti i V6 garantiscono una capacità di traino sino a 3,5 tonnellate. Top di gamma la SQ7 TFSI: V8 4.0 biturbo da 507 CV e 770 Nm di coppia, per uno 0 a 100 da 4,1 secondi e sempre 250 km/h autolimitati. Tutti i motori sono abbinati alla trazione integrale permanente quattro con differenziale centrale autobloccante ed al cambio automatico tiptronic a otto rapporti a convertitore di coppia. Entro l'anno, poi, arriverà la plug-in. La commercializzazione è prevista per giugno.

Suv-Audi-Q7-2
Suv-Audi-Q7-3
Suv-Audi-Q7-4
Suv-Audi-Q7-5

Giovanni Massini, romano, classe 1956, professionista, laureato in Legge nel 1979. Inizia a scrivere di motori, infrastrutture e trasporti nel 1990, per diventare presto capo redattore, presso la rivi...