Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Terremoto 2016, lavoro: dal governo 2.5 milioni per personale ricostruzione. Castelli soddisfatto

Guido Castelli Il commissario Guido Castelli

Terremoto 2016: il Consiglio dei ministri ha disposto un incremento di 2.5 milioni di euro per gli oneri derivanti dalla stabilizzazione di oltre 350 dipendenti pubblici che operano negli uffici per la ricostruzione nei Comuni nelle Province e nelle Regioni coinvolte dal sisma. Ad esprimere soddisfazione è Guido Castelli, il commissario per la ricostruzione che considera importante "vedere confermata l'attenzione del Governo nei confronti del vasto territorio dell'Italia centrale ferito dal terremoto del 2016-2017. Con la sollecitazione mia e dei Governatori regionali, il provvedimento varato consente di dare certezza al lavoro dei dipendenti pubblici che operano per la ricostruzione nell'area del cratere. Le risorse garantiranno la copertura di tutte le esigenze contrattuali dei dipendenti da stabilizzare e consentiranno il riparto tra tutte le amministrazioni di riferimento attraverso l'adozione di apposito Dpcm. La competenza e la dedizione di questi operatori si è rivelata preziosa per assicurare quel cambio di passo avvenuto lo scorso anno nei percorsi di ricostruzione e rigenerazione delle aree e delle comunità colpite dal sisma".
Complessivamente si tratta di 359 dipendenti pubblici a tempo determinato, che un anno fa, con il Dl 3/2023 sono stati ammessi alla procedura e finalmente potranno vedere riconosciuto il proprio diritto: "La continuità amministrativa è stata garantita proprio da questa stabilizzazione del personale - aggiunge il commissario Castelli - che ha consentito di procedere senza interruzione negli iter amministrativi necessari agli atti di ricostruzione e rigenerazione dei territori del cratere. Si tratta di risorse essenziali per consentire la regolare prosecuzione delle attività del più grande cantiere d'Europa, con i suoi 8000 chilometri quadrati di superficie che coinvolge 138 Comuni e 4 Regioni dell'Italia centrale, muovendo risorse complessive per circa 28 miliardi di euro".
Castelli conclude annunciando che "con le Regioni stiamo cercando di definire la modalità per consentire la stabilizzazione anche a quei dipendenti degli Usr che compiono il terzo anno di incarico a tempo determinato nel corso del 2024. Siamo fiduciosi di trovare una modalità che consenta di non rinunciare anche a queste preziose risorse professionali". Nel dettaglio il personale stabilizzato è così distribuito: 136 delle Regioni e 223 di Comuni e Province. Dal punto di vista territoriale, in Abruzzo 79 persone (54 in Comuni e Province, 25 in Regione), nel Lazio 42 (23 in Comuni e Province, 19 in Regione), nelle Marche 204 (114 in Comuni e Province, 90 in Regione) e in Umbria 34 (32 in Comuni e Province, 2 in Regione).