Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Il ministro Lollobrigida: "Agricoltura settore centrale, Italia competitiva se fa sistema"

forum lollobrigida

"La sostenibilità ambientale deve andare di pari passo con la sostenibilità economica". Obiettivo: produrre reddito. Altrimenti poi non si redistrubuisce ricchezza. Nell'agroalimentare è questa la linea tracciata dal ministro dell'Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Francesco Lollobrigida, intervenuto al Forum in Masseria alle Terme di Saturnia, kermesse organizzata da Bruno Vespa e Comin & Partners. "Questo è il panel che mi è più caro - ha detto Vespa - perché anche io sono un piccolo agricoltore (il riferimento è all'azienda agricola in Puglia) e quindi rendo noto il conflitto di interesse", ha scherzato il giornalista. Al dibattito hanno partecipato Albiera Antinori, presidente Gruppo Vini di Federvini, Massimiliano Giansanti, presidente Confagricoltura, Matteo Zoppas, Presidente Ice. "Quando l'Italia fa sistema è competitiva, se non fa sistema emergono le criticità. Il nostro Paese è protagonista in Europa sul tema agricolo e alimentare", ha spiegato Lollobrigida, che il 26 febbraio sarà a Bruxelles per la riunione dei ministri del settore. Centrale il tema ambientale. "L'agricoltore - ha detto Lollobrigida - è colui che cura il territorio e tutela l'ambiente.
Andremo in Europa per dire che l'agricoltura è centrale, va creato reddito, con soluzioni di sostenibilità ambientale su scala mondiale". Non è mancato un passaggio sui fitofarmaci. "Gli agrofarmaci sono medicine delle piante, se smetti di usarle da un momento all'altro distruggi il prodotto e non salvi l'ambiente, perché continui a importarle da chi li usa 20 o 30 volte di più", ha rilevato il ministro. Il tema di fondo è chiedere all'Europa sulla Pac di incrementare e non ridurre la produzione, per assicurare la competitività sul mercato globale, come ha sottolineato Giansanti.

Alessandro Antonini, 47 anni, giornalista professionista, è redattore del Corriere dellâ??Umbria dal 2003 e si occupa di politica, cronaca nera e giudiziaria. Ma non disdegna economia, sindacale, (m...