Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Umbria, incidenti, morti, arresti e furti: il bilancio 2023 della polizia ferroviaria

stazione treno

La polizia Ferroviaria del compartimento Marche, Umbria e Abruzzo, con sede ad Ancona, ha pubblicato il bilancio dell'attività nel 2023, confrontando i dati con quelli del 2022. Balza subito all'occhio un aumento dell'impiego delle pattuglie, di circa il 19%, sia in stazione, con 12.971 servizi rispetto agli 10.522 dell'anno precedente, sia a bordo del treno, dove sono stati 2.666 contro i 2.164 del 2022. Diminuite di quasi la metà (circa il 43%) le aggressioni al personale Fs (Ferrovie dello Stato); se nel 2022 erano state 14, nel 2023 sono calate a 8, di cui 3 verbali e 5 fisiche. Lo scorso anno, da settembre a dicembre, sono stati 21 i servizi Alto Impatto, ovvero le attività con finalità specifiche di controllo del territorio in ambito ferroviario. Del totale delle operazioni, 10 sono state effettuate con impiego del personale cinofilo. Complessivamente, sono state identificate 163.925 persone, di cui 24.191 con precedenti di polizia e 46.684 extracomunitari. Sono aumentate di circa il 24% le violazioni amministrative contestate rispetto al 2022. In totale ne sono state segnalate 242, di cui 17 per attraversamento dei binari, 5 per inosservanza delle prescrizioni e 5 per accesso non autorizzato nelle aree ferroviarie. Aumentati di oltre la metà (circa il 58%) i furti a bordo dei treni, ne sono stati registrati 48 in tutto il 2023 rispetto ai 20 del 2022. Allo stesso tempo, sono aumentate le misure di prevenzione adottate. I delitti denunciati sono stati 216, in netta diminuzione rispetto al 2022 (286), con 21 persone arrestate e 211 denunciate in stato di libertà. Sono stati 17 gli incidenti ferroviari mortali, 3 in più rispetto all'anno precedente, 3 invece quelli che non hanno portato al decesso. Dei 20 incidenti complessivi, la maggior parte (14) sono avvenuti per tentati suicidi, 2 per attraversamento dei binari e 2 per incidente. Invariati rispetto al 2022 le attività predisposte dal servizio di polizia ferroviaria, dalle operazioni oro rosso (12) ai Rail action week, day e safe day (18).
Tra le operazioni più brillanti portate a termine dagli agenti Polfer in Umbria: il recupero di 320 chilogrammi di rame a Terni; la denuncia di un TikToker che si proclamava il capo dei treni in Italia, fingendosi un controllore con tanto di berretto da capo treno sui convogli tra Assisi, Perugia e Foligno, invitando i passeggeri a non pagare il biglietto; e l'arresto a Foligno di un cittadino straniero destinatario di un mandato europeo.

Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...