Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Umbria, danni da maltempo: soldi ai comuni di Assisi, Bastia Umbra, Nocera Umbra e Valtopina

Enrico Melasecche L'assessore regionale Enrico Melasecche

Arrivano soldi per i comuni di Assisi, Bastia Umbra, Nocera Umbra e Valtopina, colpiti dal maltempo a giugno. Furono registrati pesanti danni ad abitazioni, attività, infrastrutture, aree private e pubbliche a seguito di temporali eccezionali che causarono le esondazioni di Tescio e Topino. L'assessore regionale Enrico Melasecche annuncia che "la Regione interviene con 300mila euro a supporto dei comuni. Il provvedimento è stato approvato su sua proposta dalla giunta regionale: "Ci siamo impegnati a farci carico direttamente del sostegno ? ricorda l'assessore - non essendo stata accolta la richiesta della dichiarazione dello stato di emergenza nazionale per l'entità puntuale e localizzata dei fenomeni meteorologici, e in tempi celeri, dopo aver riconosciuto alla fine di gennaio gli eventi calamitosi come emergenza di tipo regionale, abbiamo reperito le risorse con cui sostenere le amministrazioni comunali, cofinanziando le spese per le attività di soccorso e assistenza ai cittadini che hanno subìto danni e per il ripristino della funzionalità di servizi pubblici e infrastrutture". La somma di 100mila euro è stata stanziata a questo scopo nel bilancio di previsione regionale e altri 200mila sono stati assegnati a valere sul Fondo regionale di protezione civile, rimodulando gli importi delle aree di intervento del programma di utilizzo delle risorse, in tutto circa 623mila euro, assegnati alla Regione per le annualità 2022 e 2023.
Prosegue intento l'azione della Regione per il potenziamento del sistema di protezione civile degli enti locali: "La Giunta ha destinato 100mila euro del Fondo regionale di protezione civile, prevedendo che verranno assegnate ulteriori somme a tale linea di intervento nel bilancio regionale, da impiegare nell'acquisto di attrezzature e mezzi ritenuti necessari nei vari ambiti territoriali di protezione civile al fine di avere una adeguata distribuzione territoriale delle dotazioni della colonna mobile regionale". All'acquisto delle attrezzature e mezzi destinati al potenziamento del sistema di protezione civile degli enti locali provvederà la Regione, con successiva assegnazione in comodato gratuito ad una delle organizzazioni, con la clausola di renderli disponibili per tutte le organizzazioni dell'ambito territoriale, quando queste vengano attivate dal sistema di protezione civile, o della stessa Regione per l'utilizzo fuori dell'ambito stesso.