Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Panicale, avvolto dalle fiamme viene salvato dal giovane Raffaele. La scuola: "Sei stato da esempio"

Raffaele Paolucci Raffaele Paolucci

Salva la vita a un uomo che rischiava di essere divorato dalle fiamme. E' stato un atto di coraggio degno di un vero eroe quello del giovanissimo Raffele Paolucci, studente di Tavernelle di 14 anni e sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi del comune di Panicale. Il ragazzo, venerdì 22 marzo, stava passeggiando insieme ad un compagno di classe, Filippo, lungo la strada che conduce a Macereto. Dopo aver avvistato delle fiamme e un fumo nero nelle vicinanze di un'abitazione che si affaccia su un campo con dell'erba alta "ci fermiamo a guardare - ha detto Raffaele -: sentiamo dei flebili lamenti e incuriositi ci avviciniamo, dirigendoci verso la recinzione che divide la proprietà dal campo. Inizialmente incontriamo un uomo residente nelle vicinanze, secondo il quale colui che aveva acceso il fuoco si sarebbe poi prudentemente allontanato. Non convinto, sono voluto andare ugualmente a verificare di persona. Ho così scavalcato la recinzione e ho scorto che in mezzo alle fiamme c'era una persona in seria difficoltà". Raffaele ha subito raccolto dell'erba fresca per provare a soffocare le fiamme che stavano avvolgendo le gambe dell'uomo. "Ho afferrato il mio cellulare ed ho chiamato i soccorsi - ha proseguito Raffaele -: il 112 mi ha messo in contatto con l'ambulanza e i vigili del fuoco". Il 14enne ha guidato i soccorsi verso l'esatto luogo dell'incidente, dove è arrivato anche un elicottero. Grazie alle richieste d'aiuto di Raffaele, anche alcuni vicini hanno cercato di prestare i primi soccorsi. L'infortunato è stato condotto all'ospedale di Perugia per un primo ricovero, poi, è stato trasferito al Cardarelli di Napoli. A segnalare la notizia è l'Istituto comprensivo Panicale Piegaro Paciano, che rivolge a Raffaele un affettuoso abbraccio collettivo: "Grazie per il tuo esempio di buon cittadino" è il pensiero unanime della scuola. La dirigente scolastica Aurelia Brita, i compagni e i docenti si dichiarano orgogliosi di lui: "Gesti altruistici - ha detto Brita - sono per tutta la comunità un segnale forte di impegno e i ragazzi hanno bisogno di comprendere quanto l'essere d'aiuto agli altri sia fondamentale per vivere insieme. La nostra scuola promuove da sempre la collaborazione, l'accoglienza, l'inclusività e possiamo solo essere grati a Raffaele per essere stato così coraggioso, determinato e altruista di fronte ad una situazione molto pericolosa".


Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...