Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Trasimeno, tre giovani morti in un incidente. Chiesto il processo per il 23enne che urtò l'auto

incidente stradale L'incidente mortale è avvenuto nel maggio 2023

E' fissata per il 13 giugno l'udienza preliminare per un ragazzo di origine marocchina di 23 anni accusato di omicidio stradale. Era lui infatti alla guida della Golf che a maggio del 2023 urtò contro la Ford Fiesta che dopo un volo di 80 metri sfondando il guard rail del cavalcavia di Torricella, finì nella scarpata. A bordo di quell'auto c'erano quattro ragazzi. Tre morirono sul colpo e un quarto rimase ferito. A guidare la Fiesta c'era un ragazzo che non aveva mai preso la patente in Italia, Julio Cesar Vera Quinonez. Insieme a lui viaggiavano Ana Maria Tuja e Nika Mishko, entrambe morte. La procura contesta al 23enne la "velocità superiore a quella consentita e non adeguata alle caratteristiche della strada e alla scarsa visibilità notturna", e il "mancato rispetto distanza di sicurezza con il veicolo che lo precedeva". Ma per l'accusa la colpa dell'incidente non è totalmente sua perché "il conducente della Ford era alla guida senza aver mai conseguito la patente, e per imprudenza avendo effettuato un improvviso cambio di corsia senza dare precedenza alla Golf".

Francesca Marruco, classe 1980, giornalista professionista è redattrice al Corriere dell'Umbria. Si occupa principalmente di cronaca nera e giudiziaria. Dalla pandemia in poi, che ha costretto tutti ...