Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Enrico Melasecche spara su Stefano Bandecchi: "Ha tradito Terni. Basta con il burlesque"

Enrico Melasecche L'assessore regionale Enrico Melasecche

Dopo le dimissioni di Stefano Bandecchi da sindaco di Terni, il dibattito politico si infiamma e il leader di Alternativa Popolare colleziona critiche e duri attacchi. A partire da quello di Enrico Melasecche, assessore regionale dell'Umbria, che in un video pubblicato sui social, si toglie più di un sassolino dalle scarpe. "Otto mesi fa ho scritto a Bandecchi prima che lui si candidasse, dicendo che era un errore gravissimo perché lui non era in grado di gestire una città, un ente pubblico, con gli stessi criteri padronali con cui gestisce le sue aziende. L'ho sconsigliato caldamente perché ero interessato al futuro della città ed ero certissimo che la cosa sarebbe finita male. Gli ho parlato di incompatibilità. Lui mi ha risposto che aveva buoni avvocati e non aveva problemi". (...) "Gli ho predetto che sarebbe scappato dalla città, perché alla fine i cittadini, quelli più attenti e più sensibili, si sarebbero rivoltati di fronte a un modo di gestire la cosa pubblica come è avvenuto". Poi l'affondo: "Io sono stato attaccato in maniera becera, volgare, fango, fango, fango da parte del suo vice, con minacce. Lui stesso ha detto che sarebbero andati a controllare nei cassetti per il mio passato. Io che non ho certo niente da nascondere". (...) "Non torni sui suoi passi, perché Terni non merita questa sorta di burlesque, burlesque, burlesque. Aveva promesso di portare la Ternana in serie A e aveva promesso di investire 100 milioni e i cittadini l'hanno votato. Ha fatto promesse che sapeva benissimo di non poter mantenere. Ha tradito la città in maniera pesantissima (...) Ha utilizzato la città come un predellino per le sue follie politiche nazionali e internazionali (...) In questi otto mesi abbiamo assistito a urli, pugni, minacce, attacco sul Frecciarossa del tutto ridicolo". (...) "L'articolo 54 della Costituzione sostiene che ogni eletto deve esercitare le proprie funzioni con disciplina e onore. Quale disciplina? Quale onore abbiamo visto nel corso di questi otto mesi? Talk show nazionali in cui sparava quello che sparava". Clicca qui per il video dell'intervento di Enrico Melasecche.