Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Stefano Bandecchi passa 48 ore con Le Iene e chiama in diretta la moglie: "Ora dormo all'Università"

Stefano Bandecchi Stefano Bandecchi nel servizio de Le Iene

Le Iene hanno trascorso 48 ore insieme a Stefano Bandecchi. Nella puntata di martedì 30 gennaio della trasmissione di Italia Uno, è andato in onda un servizio con l'obiettivo di mostrare agli spettatori la quotidianità del sindaco di Terni, molto chiacchierato nell'ultimo periodo per le sue dichiarazioni in aula di consiglio e negli studi televisivi. Tutto è iniziato con una chiamata di uno dei conduttori del programma, Filippo Roma all'ex patron della Ternana: "Possiamo passare due giorni della sua vita con lei? Per scoprire il Bandecchi uomo" la risposta del sindaco non si è fatta attendere: "Non ho nessun problema. Parteciperete alla mia vita". Si parte di prima mattina e lo si fa in grande stile, Bandecchi rispolvera la Rolls Royce dal garage e passa a prendere la troupe e il giornalista de Le Iene. Il gioiellino su quattro ruote non passa inosservato: "Non vedo l'ora di perderla. Dalla visita della guardia di finanza non l'ho più usata questa macchina" dice l'imprenditore livornese. Si dirigono fino al parcheggio dell'Università Niccolò Cusano, di cui è fondatore, fino a quando si ricorda, improvvisamente, di essere stato invitato come ospite alla trasmissione Mattino Cinque. Dietrofront e si riparte verso gli studi Mediaset. In diretta, con Filippo Roma accanto a raccontare il tutto, il sindaco di Terni dà origine all'ultima bagarre televisiva, con lo scontro verbale con la giornalista Sara Manfuso. Terminata l'ospitata, fuori dagli studi, Bandecchi recrimina: "Non si può dire un c***o. Voi sbagliate, non dovete accettare i furbi, ma i veri". Ora si che si può andare nell'ufficio nella sede di UniCusano. Si trova all'ultimo piano "come i cattivi" dice scherzosamente l'imprenditore. Incontri, chiamate e riunioni poi, si cambia macchina e si parte in direzione Terni: "Che poi se c'hai questa macchina, che costa 180 mila euro, nessuno ti rompe il c***o. Se hai il Ferrari che costa 200 mila, tutti ti rompono i co****ni. In Italia non si può andare in giro con il Ferrari, sennò pensano che vuoi fare lo sborone". Il sindaco è infatti alle prese con l'organizzazione del primo congresso nazionale di Alternativa Popolare. Incontra gli avvocati e il suo amministratore. Dopo 8 ore insieme si inizia a progettare la serata e Filippo Roma pone a Bandecchi la domanda fatidica: "Quindi ci inviti a cena e ci fai conoscere tua moglie". Non ci pensa nemmeno l'ex patron della Ternana: "Ma non esiste proprio. Mia moglie vuole stare fuori da queste cose". Dopo aver insistito, Bandecchi chiama la moglie e le passa il giornalista de Le Iene che prova di nuovo ad autoinvitarsi. "Io non voglio avere contatti di nessun genere. Sono stata chiara?" repentina la risposta della donna. Tappa al PalaTerni per i preparativi del congresso e a palazzo Spada per parlare con alcuni assessori. Poi si riparte per Roma alla volta di una delle palestre più esclusive della città. Al punto che, il sindaco chiude la porta alla troupe. Ma Filippo Roma non si arrende e aspetta il termine dell'allenamento. "Ma quindi niente cena a casa tua?". "Mi dispiace ma io a casa non conto nulla" e si conclude con un niente di fatto il tentativo di ingresso nella sfera privata dell'imprenditore. A fine servizio, Bandecchi chiama il giornalista, dopo alcuni giorni dalle riprese, per provare a togliere dal servizio la telefonata alla moglie: "Sono tre giorni che dormo in Università, perché mia moglie si è inc***ata già solo che le ho fatto rispondere al telefono. E' finita".

Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...