Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Terni, intervento di eccellenza all'ospedale Santa Maria: l'Aortic Team salva un uomo di 72 anni

Santa Maria Intervento di eccellenza al Santa Maria di Terni

Intervento chirurgico di eccellenza all'ospedale Santa Maria di Terni, decisivo per la vita di un uomo. Un 72enne è stato sottoposto a un'operazione endovascolare sull'arco aortico, di altissima specialità, per una dilatazione a elevato rischio di mortalità. L'intervento è stato portato avanti dal dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare, che rappresenta oggi un modello integrato di multidisciplinarietà nella gestione delle patologie complesse, definito Hybrid-thinking. Attraverso l'accurata analisi diagnostica e la successiva pianificazione, è stato possibile usare una endoprotesi costruita su misura per l'arco aortico del paziente. Questa tipologia di protesi viene concessa in uso solo a pochi centri, attualmente solo 22 in Italia. L'intervento è stato eseguito dall'equipe coordinata dal dottor Raimondo Micheli e dopo l'intervento il paziente è stato gestito nella terapia intensiva cardiochirurgica, diretta dal dottor Fabrizio Armando Ferilli. L'uomo è stato dimesso 5 giorni dopo l'intervento in buone condizioni generali e in totale autonomia; gli esami diagnostici post-procedurali hanno confermato il successo del trattamento. La gestione del percorso diagnostico-terapeutico non è stata affidata a un singolo specialista, ma a quello che oggi viene denominato Aortic Team, una squadra di professionisti composta da cardiochirurghi, chirurghi vascolari, cardio-anestesisti, cardiologi, radiologi interventisti, che si confrontano in tutte le fasi del percorso. Il paziente già nel 2021 era stato sottoposto a un intervento in urgenza, sempre dal gruppo multidisciplinare della chirurgia vascolare e toracica di Terni, per una rottura di un aneurisma dell'aorta toracica discendente. Nel 2023 si è reso necessario un nuovo intervento in urgenza, eseguito dal gruppo della cardiochirurgia diretto dal dottore Valentino Borghetti. In considerazione dei multipli interventi specialistici, l'unica opzione di trattamento per l'aneurisma dell'arco era quella mininvasiva, di estrema complessità di risoluzione per la tipologia di malattia e per il duplice intervento già eseguito.

Annalisa Ercolani, anno 2001, dopo aver conseguito la laurea triennale in Filosofia e Scienze e tecniche psicologiche all?università di Perugia, frequenta la magistrale in Filosofia ed Etica delle Re...