Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Caso Matteo Falcinelli, revocato il visto Usa allo studente di Spoleto. Salta il rientro in Italia

Matteo FAlcinelli Matteo Falcinelli

"L'Ambasciata americana a Roma ha comunicato a Matteo che il Dipartimento di Stato gli ha revocato il visto e, pertanto, se lui dovesse uscire dagli Stati Uniti non potrebbe più rientrare". A raccontare l'ultimo contraccolpo sul caso Falcinelli, lo studente spoletino di 25 anni arrestato con violenza la notte tra il 24 e il 25 febbraio scorso a Miami, è direttamente la mamma Vlasta Studenicova. Madre e figlio avevano acquistato nelle ultime ore i biglietti aerei per rientrare in Italia e, secondo quanto riferito dalla donna, stavano facendo i bagagli quando Falcinelli è stato contattato dall'Ambasciata americana a Roma, che ha formalizzato al giovane lo scenario della revoca del visto nel caso lasciasse il paese. Stando così le cose, "se Matteo rientrasse in Italia dovrebbe richiedere un nuovo visto che, però, potrebbe non essere rilasciato oppure se gli Stati Uniti dovessero approvare il rilascio di un nuovo visto potrebbe volerci molto tempo, malgrado Matteo - ha ricordato la donna - abbia l'obbligo della Corte, a seguito dell'arresto del febbraio scorso, di rientrare negli Stati Uniti entro e non oltre il primo luglio". In questo quadro, col rischio di non ottenere il nuovo visto in tempo utile per rispettare l'ordine dell'autorità giudiziaria americana, Falcinelli e la madre stanno annullando il rientro in Italia, che era programmato per venerdì 17 maggio. "Non rispettare la scadenza del rientro negli Stati Uniti entro il primo luglio corrisponderebbe - va avanti la donna - a una violazione e in quel caso il Pre trail intervention (un istituto simile alla nostra messa alla prova, ndr) verrebbe annullato e mio figlio sarebbe sottoposto al processo". Falcinelli e la mamma non hanno potuto fornire altri chiarimenti sulla vicenda: "Dobbiamo a questo punto capire la situazione e decidere in fretta con l'aiuto - ha detto proprio Vlasta - del ministero degli Esteri, del Consolato e dell'avvocato Francesca Maresca, i passi da compiere". Non resta che attendere.