Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Terremoto, a Spoleto oltre 70 volontari impiegati nel weekend. Il sindaco Sisti: "Aiuto decisivo"

protezione civile

Lo sciame sismico che nei giorni scorsi ha messo in allarme l'Umbria, in particolare l'area di Spoleto, è stato l'occasione (ovviamente non voluta) per mettere alla prova la complessa macchina della protezione civile e del volontariato, strumenti fondamentali davanti alla piaga dei terremoti. Il Comune spiega che "le attività di assistenza e accoglienza rivolte ai cittadini hanno visto impegnati 73 volontari per un totale di 94 presenze e turni complessivi. Dall'Associazione Volontari Carabinieri in Congedo - Protezione Civile (5 volontari) al Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta (9), dalla Croce Rossa Comitato di Spoleto (11) alla Croce Verde (8), passando per il Gruppo comunale dei volontari della Protezione Civile (26), il Soccorso della Croce di San Giovanni ? SOGIT (8) e l'Unione Nazionale Arma carabinieri (6), tutte le organizzazioni hanno svolto attività di segreteria, gestione della sala radio e assistenza alla popolazione, allestendo le aree di accoglienza al Palazzetto dello Sport Don Guerrino Rota, nell'area attrezzata di Eggi e nella palestra dell'Istituto Alberghiero, dove alcuni volontari hanno svolto anche servizio notturno".
Una risposta tempestiva e funzionale. Ovviamente soddisfatto il sindaco Andrea Sisti: "L'apporto dei volontari - spiega - e la disponibilità delle diverse organizzazioni, sono state indispensabili in questi giorni per dare risposte alle persone che hanno chiesto informazioni e per provvedere all'allestimento e alla gestione delle aree di accoglienza. Ringrazio tutte le persone che ci hanno affiancato nel lavoro di questo weekend, perché ci ha permesso di affrontare con tempestività e organizzazione le diverse esigenze che si sono manifestate". "Poter contare su associazioni e volontari disponibili, motivati ed esperti ? ha aggiunto il vicesindaco Stefano Lisci ? è una garanzia non solo per il Comune di Spoleto, ma soprattutto per l'intera comunità, perché in situazioni di emergenza è fondamentale poter agire in maniera veloce e coordinata. Insieme ai tanti volontari e ai dipendenti dell'ufficio di Protezione Civile, che in questi giorni si sono prodigati affinché tutto potesse svolgersi nella maniera migliore, ringrazio i tecnici del nostro Comune, che hanno effettuato domenica mattina i sopralluoghi in tutti gli edifici scolastici".