Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Spoleto ha le sue carte da gioco: il mazzo ideato da Blerta Rripa. I semi sono 4 monumenti simbolo

i 4 assi delle carte I 4 assi delle carte spoletine

Dalla creatività di una giovane professionista nascono le carte da gioco Spoletine. È di Blerta Rripa, 28 anni da compiere, l'idea e la realizzazione dei 40 bozzetti che compongono il mazzo made in Umbria, con cui vengono rivisitate in chiave locale le carte Piacentine, le più utilizzate in zona. Sì, perché Rripa, graphic designer laureata all'Accademia delle Belle Arti di Perugia, ha declinato i quattro semi in altrettanti elementi distintivi del territorio di Spoleto e in un'interpretazione più estensiva anche dell'Umbria. Nella creazione della professionista, dunque, il seme dei denari viene rappresentato dal rosone centrale del Duomo di Spoleto, con la facciata e la scalinata dello stesso che compaiono interamente come asso di quello stesso seme. Una carta, questa, talmente bella da risultare una cartolina artistica. Dopodiché nella reinterpretazione di Rripa le spade sono state trasformate in asparagi, i bastoni in rami di ulivo e le coppe in ceramiche, in questo caso richiamando i disegni che hanno reso famosi gli artigiani di Deruta in tutto il mondo. "L'idea è nata nel dicembre scorso, durante il periodo natalizio, quando per tradizione si torna a giocare a carte nelle case di amici e lì, mentre li osservavo, - racconta la graphic designer - ho pensato che avrei potuto disegnare 40 carte rappresentative del nostro territorio, dopodiché - va avanti - ho fatto un ragionamento artistico sulla città e il comprensorio per arrivare a creare queste carte personalizzate". Rripa nelle settimane successive ha lavorato al progetto artistico e ora, a distanza di quattro mesi e poco più, il mazzo di carte Spoletine potrebbe tranquillamente iniziare a girare di tavolo in tavolo. "È una versione Beta del progetto, nel senso che - ha spiegato la professionista - non escludo di apportare qualche modifica, ma di fatto sì, sono pronte e per questo le ho presentate durante il podcast Sala Relax". Il tam tam tra il podcast e i social ha permesso, come spesso accade, di testare per la prima volta l'interesse sulle carte da gioco Spoletino "e devo dire - afferma la graphic designer - che è stato notevole quanto inaspettato, tanto che già qualcuno mi ha chiesto se possono essere acquistate". Un obiettivo, quello della produzione delle carte, con tanto di scatola contenitore, a cui la professionista spoletina sta lavorando.

Blerta Rripa Blerta Rripa
carte spoletine Le 40 carte spoletine