Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Volley, Sirci dopo i ko con Piacenza e Verona: "Non vorrei ripetere lo scorso anno..."

La Sir nel match perso a Piacenza La Sir nel match perso a Piacenza

"Perugia non sa più vincere perché non ha più la determinazione giusta. Quella che serve per giocare partite del genere, Mi auguro che l'allenatore possa recuperare la forma e la testa dei giocatori. Al netto dell'ottima prova di Verona, lo spettacolo che abbiamo offerto non mi è piaciuto per niente". Gino Sirci mastica amaro. Amarissimo. Il presidente della Sir è conscio della splendida prova messa in scena da Verona, ma dai suoi si aspettava decisamente di più. "Verona è stata un orologio e va detto. Al di la del rientro di Leon, non ha funzionato sia la battuta che il muro. La difesa è stata intermittente. Abbiamo perso 3-2 ma probabilmente è un risultato che sta stretto ai nostri avversari. Hanno giocato molto meglio di noi. Peccato, perché era una gara alla nostra portata pur se sapevamo che fosse complessa dato l'ottimo momento che attraversa la squadra di Stoytchev". Il presidente continua nella sua disamina e si aspetta una reazione immediata nel prossimo match. Che Perugia - reduce da due sconfitte consecutive (la seconda volta che accade in stagione) non può sbagliare. Altrimenti si aprirebbe una potenziale mini crisi. "Questa sconfitta non genera chissà quali effetti in classifica - argomenta Sirci -, ma mercoledì sera (ore 20:30) ci aspetta una trasferta complicata a Cisterna. Andremo lì con dei brutti pensieri. Saremo più tesi di quanto avremmo dovuto essere e non va bene. Non vorrei che prendiamo la piega dello scorso anno, che sul più bello ci siamo sciolti?".