Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, Vittoria Ferdinandi conclude la campagna elettorale: bagno di folla in piazza IV Novembre

vittoria ferdinandi

Una campagna elettorale tiratissima, come da tempo non si ricordava, si è chiusa venerdì 7 giugno a Perugia con le due candidate, che hanno polarizzato l'attenzione in queste ultime settimane, festeggiate da autentici bagni di folla nei rispettivi eventi che hanno chiuso i giochi alla vigilia del voto. Vittoria Ferdinandi, l'ultima ad essersi buttata nella mischia, a gennaio, ha concluso la sua campagna elettorale in piazza IV Novembre. A migliaia hanno invaso l'acropoli, prima del suo discorso finale, intervallato da moltissimi applausi, sul palco allestito vicino alla fontana, si sono alternate testimonianze e musica dei Melancholia, dj Ralf e Paolo Benvegnù. Poi Ferdinandi, leader di un campo larghissimo attenzionato anche a livello nazionale, si è presa la scena: "Al primo evento del Capitini vi ho promesso che vi avrei portato fino al mare. Oggi mi accorgo che il mare è già qui. Un mare di persone che mi dà la misura del miracolo che abbiamo compiuto. Noi, insieme, siamo e continueremo ad essere una rivoluzione gentile, come è scritto nel bellissimo libro di Dacia Maraini. Perché la gentilezza, insieme alla bellezza sono l'antidoto per salvare il mondo, la nostra comunità, la nostra Perugia" dice alla folla. Cita Enrico Berlinguer "che il 7 giugno di 40 anni fa era sul palco del suo ultimo comizio", racconta il percorso ("abbiamo osato l'inosabile sfidando i pronostici. Abbiamo risvegliato l'anima di questa città complessa e stratificata") e i propositi "quale sia il ruolo che ci aspetta da lunedì, voglio dire che Perugia bisogna amarla e non usarla. Noi vogliamo cambiare questa città e non solo governarla. Non ci hanno scalfito le bassezze che abbiamo ricevuto e dovuto sopportare. Siamo persone libere e fiere, non abbiamo catene. Siamo il destino di questa città".