Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, elezioni comunali. L'amarezza di Massimo Monni: "Valgo più dell'1.5%"

Massimo Monni Massimo Monni

"Non sono soddisfatto del risultato ma ne prendo atto: pensavo di ottenere il 3% e invece mi fermo alla metà". A giocare a sfavore del risultato di Massimo Monni, candidato sindaco della lista Perugia Merita "è stata la polarizzazione del voto che si è andata definendo nelle ultime settimane" afferma. "Una polarizzazione che si è creata sulle due candidate, Vittoria Ferdinandi e Margherita Scoccia, favorite anche dai media e dall'ingente promozione per la campagna elettorale da parte di entrambe". "Penso di valere molto di più dell'1,5% - prosegue - ma nelle ultime settimane la nostra corsa ha subito un'involuzione".
Possono avere influito le scelte di un elettorato di nuova generazione?
"Non credo sia questo perché l'elettorato della città non è certo giovane, le statistiche lo dicono e il consenso che mi è stato espresso in molti settori è trasversale".
Al ballottaggio chi appoggerà?
"Per come si sono messe le cose se fossi Scoccia e Ferdinandi non cercherei nessuno. Io intanto devo aspettare di vedere il dato finale sulla mia candidatura. E' certo comunque che non mi muoverò. E, in caso, di apparentamenti lo farò in base all'adesione manifestata al mio programma, priorità assoluta alla sanità, seguono Perugia città europea e la riorganizzazione della macchina comunale".


Nata a Perugia, classe 1963, Sabrina Busiri Vici è laureata in Scienze Politiche all'Università degli studi di Perugia. Giornalista professionista dal 1998. Nel 2005 entra nella redazione del Corrie...