Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Torgiano, abbattuti alberi illegalmente in un bosco lungo il Tevere. Denunciati tre imprenditori

carabinieri forestali

Un intero bosco tagliato illegalmente lungo il Tevere. L'autorizzazione della Regione era per opere di messa in sicurezza idraulica ma la ditta ne ha approfittato per tagliare alberi su una superficie superiore rispetto a quella individuata. Sono stati i cittadini a segnalare, con tanto di foto, tutto al nucleo carabinieri forestali. Siamo a Torgiano. "Dal controllo - fanno sapere i militari - è emerso che una società di rilievo nazionale del settore delle biomasse e delle energie rinnovabili aveva effettuato tale intervento in forza di un nulla osta ai fini idraulici rilasciato da Regione Umbria per l'esecuzione di lavori di manutenzione ordinaria della sponda per il ripristino del regolare deflusso delle acque". L'intervento autorizzato "consentiva il taglio selettivo della vegetazione arborea e erbacea radicata lungo un tratto del fiume lungo 800 metri per una larghezza di 10 metri dalla sponda". Dalle indagini è emerso che "erano stati abbattuti alberi per una fascia superiore a quella autorizzata ed era stata interessata dai lavori anche un'area boscata, il tutto in totale violazione alle normative idraulico forestale ed ambientale di riferimento". L'obiettivo, sospettano i forestali, era "ottenere un più alto profitto abbattendo le piante di maggiori dimensioni e più facili da tagliere, tralasciando invece gran parte di quelle che costituivano pericolo per il regolare deflusso delle acque". Anche la commercializzazione sarebbe stata effettuata "violando la normativa comunitaria volta a contrastare il commercio all'interno della Ue di legname e i prodotti da esso derivati, in quanto ottenuti illegalmente". I rappresentanti legali delle tre società coinvolte sono stati denunciati per danneggiamento di piante, taglio bosco eseguito in difformità di autorizzazione e mancato rispetto delle prescrizioni delle opere di sistemazione idraulica.

Alessandro Antonini, 47 anni, giornalista professionista, è redattore del Corriere dellâ??Umbria dal 2003 e si occupa di politica, cronaca nera e giudiziaria. Ma non disdegna economia, sindacale, (m...