Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, atterraggio di due voli dirottato all'aeroporto di Fiumicino: nebbia e bassa visibilità

aeroporto di Perugia L'aeroporto San Francesco d'Assisi

La nebbia e quindi la bassa visibilità sull'aeroporto dell'Umbria hanno impedito nella mattinata di domenica 26 maggio l'atterraggio a Perugia di due voli, provenienti da Palermo e Catania. Secondo quanto risulta all'Ansa sono stati dirottati sullo scalo di Fiumicino. Le compagnie hanno quindi organizzato i trasferimenti dei passeggeri a Perugia. Il problema delle avversità atmosferiche è annoso al San Francesco: nel corso del 2022, causa la mancanza di strumentazione elettronica per l'atterraggio in sicurezza in caso di nebbia e maltempo, sono stati dirottati 43 voli in arrivo con disagi per più di 5.000 passeggeri. In realtà sul complesso dei voli atterrati e partiti dallo scalo umbro non si tratta di una cifra rilevante. Si tratta comunque di un problema difficilmente risolvibile: bisognerebbe dotarsi di Ils (Instrumental landing system) di categoria superiore per l'atterraggio guidato: a Perugia è di categoria 1, in categoria 2 e 3 ci sono Malpensa e pochi altri scali nazionali. Queste tecnologie sono assegnate direttamente da Enac e ne sono dotate soltanto i grandi aeroporti.