Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, contrasto alle truffe agli anziani: il Comune presenta la campagna informativa

truffe anziani

Il Comune di Perugia scende in campo per proteggere gli anziani dalle truffe. Prende il via la campagna informativa realizzata dall'amministrazione comunale in collaborazione con la polizia Locale di Perugia, finanziata dal Ministero dell'Interno e dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza che ha l'obiettivo di contrastare il fenomeno delle truffe agli anziani. Prevenzione e contrasto delle truffe agli anziani è il titolo della nuova campagna informativa che impegna l'Ente di palazzo dei Priori nella lotta contro le frodi agli anziani. Il progetto è stato presentato nel corso della mattinata del 18 marzo in sala della Vaccara alla presenza dell'assessore alla sicurezza Luca Merli, della vice comandante della Polizia locale Antonella Vitali, della responsabile della comunicazione del Comune di Perugia Simona Cortona e della tirocinante Sofia Laudani, autrice del progetto insieme ai colleghi Eleonora Refi, Teodor Radu Ionut Spataru ed alle volontarie del servizio civile Alessandra Ricci e Maria Pia Del Vecchio. Sotto quest'ultimo profilo Simona Cortona ha ricordato che da anni il Comune di Perugia, con l'ufficio comunicazione, è partner dell'Università degli Studi di Perugia, dipartimento di Scienze della comunicazione. Il piano di comunicazione prevede: un programma di divulgazione sui canali social del Comune di Perugia, sul sito istituzionale dell'Ente e sulla testata giornalistica Perugia Comunica dove verranno illustrate le principali tecniche di prevenzione delle truffe e informazioni utili per proteggersi da eventuali rischi; attività di prevenzione a cura della polizia Locale che garantirà 400 ore di presidi nelle zone di pubblico interesse come parchi, aree verdi, uffici postali, cimiteri e uffici/laboratori USL; un video ufficiale che verrà pubblicato su tutti i canali social dell'ente; campagna di affissioni con QR code per accedere al video ufficiale e informarsi sui rischi.