Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Sanremo, Filippo Timi introduce l'esibizione di Diodato nella serata delle cover: omaggio a De André

Filippo Timi Filippo Timi sul palco dell'Ariston

E' stato il perugino Filippo Timi a introdurre l'esibizione di Diodato e Jack Savoretti sul palco di Sanremo nella serata delle cover. Lo ha fatto con un monologo che ha omaggiato e celebrato Fabrizio De André. Seduto sulle scale dell'Ariston, di fronte alla platea, ha pronunciato dei versi di alcuni testi delle canzoni del cantautore genovese, da La canzone del padre a Amico fragile, passando per Il testamento di Tito: "Vuoi davvero lasciare ai tuoi occhi / solo i sogni che non fanno svegliare / Io nel vedere quest'uomo che muore / Madre, io provo dolore / Nella pietà che non cede al rancore /Madre, ho imparato l'amore / Pensavo è bello che dove finiscono le mie dita / Debba in qualche modo incominciare una chitarra". Terminato il monologo di Timi, Diodato con la chitarra in mano ha intonato Amore che vieni, amore che vai, in un duetto insieme a Jack Savoretti per una performance da brividi. Filippo Timi protagonista di questa edizione del Festival di Sanremo anche come voce di Rai Radio 2, emittente ufficiale della kermesse.

Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...