Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, celebrato in sala dei Notari il ricordo delle donne ebree vittime dei nazisti

Leonardo Varasano Leonardo Varasano, assessore comunale alla cultura

A Perugia si è celebrato il Giorno della Memoria, sabato 27 gennaio, con un evento andato in scena nella mattinata nella sala dei Notari di palazzo dei Priori. Un incontro sul tema Le donne ebree italiane dalle Leggi razziali del 1938 alla Shoah. Sono state ricordate, con foto, storie e documenti, le donne che tra il 1938 ed il 1945 furono perseguitate e, in molti casi, assassinate perché ebraiche. Leonardo Varasano, assessore comunale alla cultura, ha detto in apertura: "Quello di oggi è un giorno della Memoria particolare: avrei voluto solo introdurre il tema storico, il focus specifico (le donne della Shoah) scelto per questa edizione nel solco di un impegno pluriennale che stiamo portando avanti da tempo, avrei voluto ragionare della doppia dignità sfregiata (umana e femminile) e parlare del romanzo di Lia Tagliacozzo incentrato sulla figura di Pupa Garribba frutto del confronto con gli studenti, ma in realtà oggi c'è bisogno di fare un cenno anche alla terribile attualità. Oggi siamo chiamati, dunque, a fare una riflessione ampia in cui le parole si fondono con gli atti; ecco perché abbiamo scelto di apporre in piazza Michelotti una pietra d'inciampo, esempio concreto delle testimonianze di questa mattina". Poi, per i saluti iniziali, sono intervenuti anche Marco Terzetti, presidente Anei (Associazione Nazionale ex-Internati) e Maria Luciana Buseghin, presidente Associazione Italia-Israele di Perugia. Poi è stato il turno dei relatori, da Annalisa Cegna, direttrice dell'Istituto storico di Macerata e Università di Macerata, a Elena Antonelli, docente specializzata in didattica della Shoah, da Emilia Peatini, direttrice Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea di Treviso, a Maria Luciana Buseghin che ha parlato di Artiste, critiche d'arte e scrittrici nella persecuzione antiebraica nazi-fascista. Poi la toccante testimonianza di Elena Colonna, autrice di Milena e i suoi fratelli. Sette brevi storie, più altre quattro, per non dimenticare.

Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...