Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, lavori di restyling al consultorio di Madonna Alta: riorganizzati i servizi per un mese

consultorio madonna alta L'ingresso del consultorio a Madonna Alta

Iniziano i lavori di restyling del consultorio di Madonna Alta a Perugia. Da lunedì 25 marzo parte la manutenzione dei terrazzi, della parte esterna e il risanamento dell'intonaco interno rovinato dalle infiltrazioni. La durata degli interventi che interesseranno l'edificio in via Pian della Genna sarà di circa 4 settimane. Durante il restyling della parte esterna saranno rimossi, dopo aver avuto l'autorizzazione dalla scuola, anche i murales che erano stati realizzati nel 2006 e 2007 dagli studenti dell'Istituto statale d'arte Bernardino di Betto di Perugia. I servizi situati all'interno della struttura saranno spostati fino alla conclusione dei lavori nelle sedi dell'Azienda sanitaria di Ellera, San Marco e Castel del Piano. Le pazienti che devono sottoporsi a screening citologico e che hanno già ricevuto la lettera di invito per Madonna Alta, saranno chiamate telefonicamente dalle ostetriche ed invitate a San Marco o Castel del Piano. Per eventuali spostamenti di appuntamento relativi, richiesti dall'utenza per lo screening, si invita a chiamare i seguenti numeri: 075 5412570 (tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle 12.30 alle 13.30) e 075 45614 (il lunedì ed il mercoledì pomeriggio dalle 15 alle 17). I servizi legati al consultorio giovani e alla diagnostica saranno effettuati presso gli ambulatori ginecologici del Poliambulatorio Europa e gli utenti saranno comunque avvisati del cambio sede. Da lunedì 25 marzo sarà anche attivo nel numero del Consultorio un sistema di risposta automatica che darà tutte le informazioni necessarie. "Personalmente - ha detto l'assessore regionale alla Salute, Luca Coletto - mi sono recato con dei tecnici dell'Usl 1 a fare un sopralluogo che mi ha permesso di constatare la necessità urgente di ridare dignità a un luogo destinato alla cura e alla prevenzione".