Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

"Orgoglio Coldiretti" arriva a Orvieto. Problemi e prospettive per le filiere del territorio

Coldiretti, incontro a Orvieto Coldiretti, incontro a Orvieto

Si è svolto ad Orvieto, presso il palazzo del Capitano del Popolo, il terzo grande incontro territoriale "Orgoglio Coldiretti" con oltre 500 agricoltori associati, per confrontarsi sui problemi che interessano le singole filiere, sui risultati già raggiunti e sulle prossime sfide da affrontare.
La Coldiretti ha predisposto un Piano di misure, a livello nazionale ed europeo che è stato illustrato nel corso dell'appuntamento. Proprio ieri, tra l'altro, Coldiretti, con una delegazione partita anche dall'Umbria, è tornata a manifestare a Bruxelles, per avere tempi e strumenti certi per cambiare le politiche europee che minacciano la sopravvivenza del settore.
"Le nostre misure ed azioni di questi anni hanno avuto l'unico obiettivo - ha sottolineato Albano Agabiti, Presidente Coldiretti Umbria - di continuare a dare risposte agli imprenditori agricoli; il nostro orgoglio è quello di essere sempre in campo per dare un futuro all'agricoltura. Se a livello europeo, abbiamo proposto di semplificare la Pac da subito, aumentare il tetto degli aiuti di stato, autorizzare una moratoria dei debiti delle imprese agricole e rimuovere vincoli ambientali che diminuiscono la produzione di cibo in Europa e favoriscono le importazioni da altri continenti, anche a livello regionale serve un cambio di passo urgente, "concretizzando" il lavoro svolto, su semplificazione amministrativa, filiera zootecnica e dei cinghiali, accesso al credito".
"Prosegue il nostro lavoro con proposte concrete che puntano a tutelare i redditi degli imprenditori e il made in Italy agroalimentare", ha ricordato tra l'altro nel suo intervento Dominga Cotarella, Presidente Coldiretti Terni. La Presidente ha illustrato le richieste e posizioni di Coldiretti a livello nazionale: stop del fotovoltaico a terra e dei danni da fauna selvatica, miglioramento della PAC, ma anche controlli sulle pratiche sleali, sono solo alcune delle priorità. Ma basta anche alla burocrazia inutile: i nostri giovani devono essere protagonisti. Formazione e aggregazione, alla base di una nuova traiettoria di sviluppo.
Tra i diversi temi locali al centro dell'incontro di Orvieto, focus tecnici sulle filiere messe in campo e da creare, ma anche su CSR e PAC, credito, fiscalità.
"Ascolto e confronto sono alla base del nostro lavoro, che punta da sempre a tutelare la sostenibilità economica delle imprese, con la responsabilità che "proviene" dalla nostra rappresentanza", ha affermato il Direttore Coldiretti Umbria Mario Rossi, nel ricordare l'impegno dell'Organizzazione in tutte le sedi, europee, nazionali e regionali, per rispondere immediatamente alle imprese. Abbiamo infatti il dovere, di tramutare le proposte in progetti concreti, restituendo piena competitività al lavoro degli imprenditori agricoli. I nostri appuntamenti sul territorio regionale - ha aggiunto Rossi - proseguiranno già nei prossimi giorni, per confrontarci sui temi di maggiore rilevanza e attualità del settore. Tra gli obiettivi anche quello di mettere in campo gruppi di lavoro sui vari comparti, per ulteriori proposte "spendibili" a livello di governo territoriale.