Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Giovanili, fair play dell'Amerina: rigore regalato, l'attaccante lo calcia fuori apposta

Gli Allievi Regionali A2 dell'Amerina Gli Allievi Regionali A2 dell'Amerina

Un bel gesto di fair play, di quelli che riconciliano con il mondo del calcio. E' successo domenica nel campionato Allievi regionale A2, nella gara tra Amerina e Nuova Gualdo Bastardo, terza contro quarta in classifica, match dalla posta in palio molto alta. Alla fine del primo tempo, sul punteggio di 2-0 in favore dell'Amerina, c'è stato uno violento scontro in area di rigore della Nuova Gualdo Bastardo tra due ragazzi, l'attaccante ospite è rimasto a terra infortunato e l'avversario, per consentire che venissero prestati tempestivamente i soccorsi, ha interrotto il gioco prendendo - forse sovrappensiero e nella concitazione del momento - la palla con le mani e l'ha buttata fuori. Tanto spavento in campo e sugli spalti soprattutto per la dinamica dello scontro. Per fortuna, però, nulla di grave per il giovane della squadra ospite, ma l'arbitro è stato costretto a fischiare il calcio di rigore. A quel punto, sul dischetto si è presentato il forte bomber amerino Gabriele Ottaviani - che tra l'altro sta lottando per la classifica cannonieri - a cui il mister Matteo Chieruzzi e la dirigenza, dalla panchina, hanno chiesto di calciare fuori il penalty. Detto, fatto: rigore e palla spedita sul fondo tra gli applausi del pubblico presente e quello degli avversari, alcuni dei quali sono andati personalmente a dare il cinque al rigorista. La partita poi ha visto la rimonta a metà della Nuova Gualdo Bastardo che si è portata sino al 2-2 prima del gol del 3-2 finale dell'Amerina. "E' andata bene, fortunatamente - sorride mister Chieruzzi -. Ma, indipendentemente dal risultato che ci ha premiato, è un gesto che rifaremmo altre mille volte senza se e senza ma. Ogni tanto anche le belle notizie vanno raccontate, tra tante cose brutte che sentiamo e vediamo spesso sui campi dei dilettanti e non solo".