Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Forum in Masseria, il ministro Casellati: "L'intelligenza artificiale per semplificare le leggi"

forum in masseria

L'intelligenza artificiale applicata alla semplificazione delle leggi. È il tema del secondo panel che si è svolto alle Terme di Saturnia nell'ambito del Forum in Masseria, evento organizzato da Bruno Vespa e Comin & Partners. Sono intervenuti Maria Elisabetta Alberti Casellati, ministro per le Riforme istituzionali e la semplificazione normativa, Francesco Clementi, professore di Diritto pubblico comparato all'Università degli studi La Sapienza, Gabriele Fava, presidente designato Inps e Fabio Vaccarono, ceo Multiversity. Casellati ha evidenziato come la semplificazione normativa sia "punto strategico e grande leva economica per il Paese". Chi fa impresa trova problemi a investire in Italia. Sono decine e decine i passaggi necessari per aprire un bar. Lo stesso Vespa, nell'intervistare il ministro, ha citato il suo caso "personale", un finanziamento da ottenere per l'impresa di famiglia: 42 norme da ottemperare e analizzare. I tempi si allungano, giocoforza. Norme che sovente - ha evidenziato il ministro - risultano sovrapposte e in contrasto fra loro frenano lo sviluppo dell'economia. Per questo, "sperimentiamo l'intelligenza artificiale applicandola alla normativa. Non per creare le leggi, ma per ridurre i tempi dello studio delle sovrapposizioni normative: l'intelligenza artificiale fa in una notte quello che si fa in tre settimane. Si ridurranno i tempi per un governo che va già al galoppo", ha detto il ministro. Una riforma decisiva per il Paese, si diceva. Non solo i cittadini ma anche magistrati, è l'esempio di Casellati, hanno a che fare con leggi che magari sono state in parte abrogate senza che ne siano a conoscenza. Clementi ha fatto riferimento all'uso dell'intelligenza artificiale per legiferare. Uno strumento "che aiuta a gestire gli emendamenti, favorendo un procedimento decisorio più ordinato". Sala ha fissato l'obiettivo: rendere l'istituto previdenziale "un ente aperto, che dialoga con tutti". Si è a lungo dibattuto di riforma costituzionale e premierato forte. Per poi toccare, con Vaccarono, tutti i punti in cui l'Italia può e deve migliorare in tema di innovazione. Anche nella formazione e l'istruzione universitaria.

Alessandro Antonini, 47 anni, giornalista professionista, è redattore del Corriere dellâ??Umbria dal 2003 e si occupa di politica, cronaca nera e giudiziaria. Ma non disdegna economia, sindacale, (m...