Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Yacht Club de Monaco, inaugurato un pontile per l'idrogeno verde

idrogeno monaco

Un pontile autonomo a idrogeno verde in grado di riempire 30 bombole e rifornire otto squadre in preparazione alla Monaco Energy Boat Challenge (1-6 luglio 2024). È l'ultima iniziativa verde intrapresa dallo Yacht Club de Monaco, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e sotto l'egida dell'approccio collettivo Monaco, capitale dello yachting avanzato. All'inaugurazione ha partecipato Principe Alberto II di Monaco insieme a Céline Caron-Dagioni, ministra dei Lavori pubblici, dell'ambiente e dello sviluppo urbano; Patrice Cellario, ministro dell'Interno; Armelle Roudaut-Lafon, direttrice degli Affari marittimi; Olivier Wenden, vicepresidente della Fondazione Principe Alberto II di Monaco; Marco Casiraghi, ingegnere e ideatore della Monaco Energy Boat Challenge e Francesco Prazzo, direttore generale, Sbm Offshore, che si è occupata dell'installazione della piattaforma. "La Monaco Energy Boat Challenge è stata lanciata 11 anni fa. È molto soddisfacente vedere fino a che punto siamo arrivati. Anche con risorse limitate è ora possibile produrre idrogeno verde", afferma il segretario generale dell'YCM Bernard d'Alessandri. Ormeggiato nella Marina YCM da gennaio, questa piattaforma galleggiante che produce idrogeno verde da energie rinnovabili è stata installata da Sbm Offshore, partner del Monaco Energy Boat Challenge. L'obiettivo è ancora una volta quello di rifornire gli otto team della Energy Class durante i giorni della competizione di luglio per contribuire a ridurre l'impronta di carbonio dell'evento e promuovere l'uso di risorse energetiche eco-responsabili. Questo tipo di impianto è stato sperimentato nelle precedenti edizioni della Monaco Energy Boat Challenge e sono stati apportati numerosi miglioramenti. Con un peso di 1,3 tonnellate, il pontile ha una superficie di 20 m2 di pannelli solari galleggianti collegati a un numero doppio di batterie per produrre idrogeno ininterrottamente giorno e notte. Il tempo di riempimento della bombola è ora di 1 litro/minuto. Il pontile incorpora anche un sistema di controllo remoto per monitorare il flusso dell'elettrolizzatore, la carica della batteria, il sistema di riscaldamento e raffreddamento, nonché sensori, allarmi e un deumidificatore. Per l'11° Monaco Energy Boat Challenge 2024, i team potranno scegliere tra bombole di idrogeno da 9 litri o 13 litri. Ogni squadra è libera di stimare i propri consumi in base alla scelta della fonte di alimentazione con la possibilità di produrre energia durante una gara.