Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Vino, un naso elettronico svelerà origine e freschezza. L'ha inventato una bresciana

vino naso elettronico

Un naso elettronico per studiare i vini. E' in grado di riconoscere freschezza e origine. Il progetto è della bresciana Sonia Freddi. L'ha portato avanti nei laboratori del Dipartimento di Fisica dell'Università Cattolica di Brescia. Uno strumento che può diventare fondamentale nei controlli sulla qualità. Sono le molecole di gas a indicare se il prodotto è fresco e il naso le rileva. Il vino è caratterizzato da 800 componenti organolettiche che permettono di identificarne composizione chimica, tipologia di uva e provenienza. Il naso elettronico è stato già provato in laboratorio su diverse sostanze campione, poi sui vini. L'esame è stato superato.