Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Fossato di Vico, abusi edilizi e lavori senza permesso vicino al Monte Cucco: denunciate 4 persone

barriere fonoassorbenti

Abusi edilizi nelle vicinanza del parco regionale del Monte Cucco. I carabinieri Forestali hanno effettuato una campagna di controlli nel territorio regionale sugli impianti di gestione dei rifiuti. Il nucleo di Gualdo Tadino ha riscontrato diverse irregolarità in un'azienda nel comune di Fossato di Vico. Stando alle indagini, l'impresa aveva effettuato dei lavori edili, dal 2020 al 2022, per l'installazione di barriere fonoassorbenti, finalizzati alla diminuzione dell'inquinamento acustico. Dai controlli è emerso che gli interventi erano stati svolti in difformità dall'autorizzazione paesaggistica e, in parte, senza il permesso di costruire. I lavori sono stati realizzati in un'area contigua al parco regionale del Monte Cucco, sottoposta proprio a vincoli paesaggistici. I Forestali hanno denunciato quattro persone, il titolare dell'azienda, il direttore dei lavori e i due legali rappresentanti dell'impresa costruttrice per le ipotesi di reato di "esecuzioni di lavori su beni paesaggistici in difformità di autorizzazioni", "realizzazione di intervento edilizio in area sottoposta a vincolo paesaggistico in assenza di permesso" e "inosservanza delle modalità esecutive previste dal permesso a costruire". Dagli atti presenti nel Comune di Fossato di Vico, i militari hanno potuto riscontrare anche dei presunti falsi, tali da contestare ulteriori reati di "falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico" e "falsità ideologica in atti pubblici e in certificati commesse da persone esercenti un servizio di pubblica necessità". Il Comune e gli uffici competenti della Regione Umbria sono stati informati al fine di svolgere accertamenti di natura tecnica sulle opere edili non conformi. L'ente comunale dovrà valutare se: i presunti responsabili dovranno provvedere al ripristino dell'area con la rimozione delle barriere, richiedere modifiche all'intervento o effettuare una sanatoria.