Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Pellizzari e la maglia rosa donata da Pogacar. Il racconto del suo mentore, il folignate Gentili

foto Pellizzari Pogacar Pellizzari riceve in regalo la maglia rosa da Pogacar

Non gli bastava essere il più giovane atleta del Giro d'Italia, Giulio Pellizzari ha voluto regalare a tutto il mondo del ciclismo un'immagine che rimarrà scolpita negli annali. Dopo il grandissimo risultato ottenuto martedì, secondo alla 16esima tappa Livigno-Val Gardena, dopo l'attacco in volata a Martinez, il 20enne, sceso dalla sua bici, si è trovato faccia a faccia con "il cannibale" Tadej Pogacar. E la maglia rosa donata dal serbo al giovane italiano ha come tutta l'impressione di essere un segno di quello che potrebbe essere il futuro del ciclismo nazionale e internazionale. Tra i tifosi più appassionati di Pellizzari c'è sicuramente il folignate Massimiliano Gentili, campione del ciclismo prima e ora allenatore e mentore di tanti atleti. Uno su tutti proprio Pellizzari, con Gentili che, rispondendo alle nostre domande, ha delineato un rapporto "padre-figlio" con il giovane fenomeno marchigiano.
Servizio completo sul Corriere dell'Umbria del 23 maggio: clicca qui per l'edicola digitale