Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Foligno, furti nelle attività del centro storico: rubate 6 bottiglie di vino in una locanda

furto foligno Una tenda della Locanda della Zucca forzata dai ladri

Non c'è pace per le attività del centro storico cittadino. Non si arresta l'ondata di furti che ormai da mesi sta travolgendo Foligno, senza risparmiare abitazioni, scuole, negozi e ristoranti, tra furti messi a segno e tentativi andati a vuoto di cui però restano le amare tracce dei vetri rotti, le serrature forzate, da cui inizia la salata conta dei danni. Solo nelle ultime 48 ore a ricevere la spiacevole visita sono state 3 attività del centro storico: giovedì 1 febbraio notte è toccato alla Locanda di Zucca di Largo Frezzi, dove i ladri hanno forzato una tenda laterale del dehors del ristorante, e una volta dentro hanno tentato di introdursi nel locale forzando una porta che si apre all'interno della veranda. Un tentativo senza successo che ha visto quindi i ladri portare via quello che hanno trovato all'interno del dehors, fuggendo con un bottino di 6 bottiglie di vino. A fare l'amara scoperta la mattina una persona che ha notato la veranda danneggiata e ha subito contattato i proprietari del ristorante che hanno sporto denuncia. E ancora, ieri mattina amaro risveglio per due attività di via Oberdan, il salone Chiara e Walter e un vicino negozio di abbigliamento. Qui i ladri hanno tentato di introdursi nel salone da una porta laterale di vetro colpendolo nella parte inferiore; venerdì 2 febbraio mattina la proprietaria ha ritrovato i segni della tentata effrazione, con parte del vetro crepato, ma anche un vaso spostato come se fosse stato utilizzato per raggiungere una finestrella di cui servirsi per introdursi nel locale. Nella stessa notte i ladri, forse gli stessi, hanno messo a segno un colpo nel negozio di abbigliamento vicino al salone di parrucchieri, il secondo nel giro di 4 giorni. Tre episodi nel giro di 24 ore, tra giovedì e venerdì notte, che lasciano l'amaro in bocca in chi tutti i giorni accende le luci della propria attività sul centro storico della città.