Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Foligno, allarme furti in centro. Nel mirino edicole, negozi e ristoranti: 6 colpi in 12 giorni

Marco Moressoni Marco Moressoni, titolare dell'edicola di Porta Romana

Ancora un altro colpo, l'ennesimo, alle porte del centro storico cittadino. Sembra inarrestabile l'ondata che ormai da mesi sta travolgendo la città, tra furti e tentativi naufragati, che non danno tregua agli esercenti folignati. A ricevere la spiacevole visita la notte scorsa, tra giovedì 8 e venerdì 9 febbraio, è stata l'edicola di Porta Romana, dove ignoti hanno tentato di mettere a segno un colpo aprendo una vetrina sul retro del chiosco. Un tentativo caduto nel vuoto però di cui venerdì 9 febbraio mattina sono rimaste solo le tracce nella vetrina aperta e le riviste sparse a terra. A fare l'amara scoperta è stato Marco Moressoni, da 11 anni titolare dell'edicola che è un vero punto di riferimento per tanti lettori folignati: "In questi anni non era mai successo", racconta. Come ogni mattina è arrivato a Porta Romana per aprire le serrande della sua attività ma ad attenderlo è stata la spiacevole sorpresa. Nessun segno di scasso evidente, il vetro della vetrina integro e la serratura intatta ma a terra una catasta di riviste sparpagliate sul ciglio dell'edicola, tutte buttare all'aria forse nel tentativo di cercare qualcosa. Probabilmente l'uomo armato di un passepartout ha tentato di introdursi all'interno dell'edicola ma all'improvviso è stato costretto a interrompere l'opera e a dover rinunciare così all'idea di mettere a segno il colpo. Perché? Non è possibile dirlo. Di certo c'è che non si tratta purtroppo di un episodio isolato. Quello all'edicola di Porta Romana, infatti, si aggiunge alla lunga scia di furti e di tentativi caduti nel vuoto da parte di ignoti che da settimane non danno tregua alla città, non risparmiando abitazione, negozi, ristoranti e neppure le scuole. Nelle ultime due settimane, in particolare, finire nel mirino sono state ben sette attività, di cui cinque solo nella zona tra via Guglielmo Oberdan e Porta Romana. Ad aprire la scorsa settimana, infatti, era stato il furto con spaccata a un salone di parrucchieri di via Oberdan, a pochi passi da porta San Felicianetto, cui sono seguiti nel giro di appena cinque giorni altri due colpi messi a segno in un negozio di abbigliamento che si apre sulla via, e un tentativo non andato in porto in un altro salone di Parrucchieri, sempre in via Oberdan, dove i ladri hanno tentato di introdursi da una porta laterale di vetro colpendolo nella parte inferiore; e ancora sempre la scorsa settimana era toccato a un altro ristorante in largo Frezzi, dove i ladri hanno tentato di introdursi distruggendo una parte del dehors. E ancora nella notte tra domenica e lunedì scorsi i ladri hanno colpito un negozio di abbigliamento da uomo a Porta Romana, fuggendo con un bottino di vestiti.