Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Umbertide, ultima domenica di festa per il programma del Carnevale: tutti in piazza per i carri

Carnevale umbertide

Umbertide ancora una volta protagonista dei festeggiamenti di Carnevale. Dopo l'importante successo riscontrato domenica scorsa, 18 febbraio, il Comune, in collaborazione con le Pro Loco di Umbertide, Pierantonio, Calzolaro e con il Circolo Uisp di Spedalicchio, ha promosso il secondo ed ultimo evento della terza edizione dei Carri di Carnevale. Bruciamo il Carnevale è infatti l'iniziativa che si è tenuta domenica 25 febbraio nelle vie cittadine e ha visto la partenza dei carri alle ore 14.30 dal parcheggio della Piattaforma, nei pressi della Rocca. La grande fortezza medievale per la Pro Loco di Umbertide, la balena di Pinocchio per la Pro Loco di Pierantonio, il maestoso cavallo di Troia per la Pro Loco di Spedalicchio, la piramide e la Sfinge dell'antico Egitto per la Pro Loco di Calzolaro e il carro del Gruppo Volontari Umbertide a tema Teletubbies: questi i carri accompagnati da moltissime persone che si sono unite man mano nel corteo fino a Piazza Michelangelo, dove si sono svolte una grande festa e piacevoli iniziative per tutti i partecipanti, in particolare rivolte ai più giovani. Nella piazza, all'ombra del grattacielo di Umbertide, si sono svolte molteplici attività di intrattenimento: trampolieri, musica, giochi e una sfilata che ha visto protagonisti tanti bambini, alcuni dei quali anche mascherati. È stato possibile, inoltre, gustare i classici dolci e le tradizionali leccornie di questo periodo.
Una bellissima iniziativa, che ha visto un divertimento sano e genuino negli occhi di tutti, dai più grandi ai più piccoli, e che ha rappresentato il grande spirito di collaborazione ed intesa venutosi a creare tra istituzioni, associazioni e commercianti del territorio, dove ognuno ha apportato il proprio contributo per garantire la miglior riuscita.