Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Politica, il diritto all'oblio oncologico è legge. Caforio: "Tutelate le persone guarite dal cancro"

Giuseppe Caforio Giuseppe Caforio, presidente dell'Associazione umbra per la lotta contro il cancro

Il Senato ha approvato il ddl sull'oblio oncologico. La legge permetterà a chi è guarito dal cancro di prevenire le discriminazioni e tutelare i diritti, prima preclusi. "E' effettivamente una norma di civiltà - afferma il presidente dell'Associazione umbra per la lotta contro il cancro, professor avvocato Giuseppe Caforio - un bellissimo regalo di Natale per tantissimi pazienti oncologici, che hanno vinto la loro battaglia contro il cancro. Questa legge significa riappropriarsi del diritto di adottare un bambino, chiedere un mutuo in banca, attivare una assicurazione sulla vita, o acquistare un'auto a rate. Azioni importanti della propria quotidianità e di vita normale che, fino a oggi, erano precluse ai pazienti oncologici. Da oggi, tutto ciò non rappresenterà più un problema, un limite, una esclusione, perché finalmente la malattia non sarà più un marchio negativo e sparirà dalla storia individuale. Il diritto all'oblio è il diritto a essere dimenticati come pazienti oncologici e a non essere discriminati per questa loro passata condizione. Una legge che cancella discriminazioni e riafferma i diritti".

Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...