Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Motori, Porsche Panamera: 680 Cv per la E-Hybrid Turbo

Pananamera-1

Gli anni passano per tutti ed anche la Panamera è arrivata alla sua terza generazione e porta con sé una più massiccia digitalizzazione e tante altre cosette ma al momento, a quanto ci pare di capire "Niente Elettrica" (che stiano facendo marcia indietro). A livello di look, si nota una nuova presa d'aria sopra la targa anteriore ed è stata ridisegnata la linea dei finestrini e quella delle fiancate. Praticamente invariate le dimensioni: lunghezza di 5.052 mm (Executive: 5.202 mm), larghezza 1.937 mm ed altezza 1.423 mm (Executive: 1.428 mm). Internamente, troviamo la leva del cambio direttamente a destra del volante, con un'ottima accessibilità per il selettore dei programmi di guida (Normal, Sport e Sport Plus) e per le levette di controllo dei sistemi di assistenza. Tutto è stato studiato, per ottimizzare la gestione del mezzo, evitando di dover distogliere lo sguardo dalla strada. Tramite lo schermo da 10,9 pollici si controlla di tutto e, per evitare distrazioni al guidatore, le richieste del passeggero non sono visibili al pilota. Per accedere a tutte le possibilità, offerte dal sistema, bisogna ottenere un Porsche ID ed inserirlo, poi si ha tutto a portata di schermo o di smartphone (Apple CarPlay® e Android Auto), anche la funzione massaggio dei sedili. Altra chicca tecnologica: i fari Matrix LED e, come optional (selta, a nostro avviso discutibile, vista la caratura del mezzo), gli HD ad alta risoluzione, con oltre 32.000 pixel per proiettore, che hanno anche una funzione per l'illuminazione dedicata della corsia, con il fascio luminoso che arriva fino a 600 metri.
Per quanto riguarda gli Adas: l'assistente di velocità, ora, interagisce con il riconoscimento della segnaletica stradale e se attivo, in automatico, mantiene la velocità da codice ed il sistema Porsche InnoDrive include la funzione attiva per il mantenimento della corsia di marcia e di assistenza agli incroci. Durante i parcheggi, poi, si può anche scendere e l'auto fa da sola e se prprio non ce la fai a stare a guardare, puoi monitorare tutto tramite smartphone. Rinnovata la gamma motori, soprattutto le varianti E-Hybrid. La Turbo E-Hybrid, disponibile dal momento del lancio, monta il classico V8 da quattro litri, abbinato ad un nuovo motore elettrico, integrato nell'alloggiamento del cambio PDK a otto velocità, per una potenza totale di 680 Cv ed una stratosferica coppia massima di 930 Nm. Le prestazioni non lasciano certo a desiderare: 100 km/h in 3,2 secondi e velocità massima di 315 km/h, con un'autonomia in elettrico, grazie ad una nuova batteria da 25,9 kWh, di 91 km. Aggiornato anche il caricabatterie, che però, in corrente alternata arriva ad 11 kW. Resta in gamma anche il V6 turbo da 2.9 litri e 353 Cv (+23 rispetto alla precedente versione), per un signor 0-100 da 5,2 secondi.
Da subito disponibile anche la Panamera 4. Solo su richiesta (anche qui si resta perplessi) per le E-Hybrid, c'è il nuovo sistema di sospensioni attive "Porsche Active Ride", che monta elementi a doppia valvola, ognuno dei quali è gestito da una pompa idraulica, per risposte fulminee alle esigenze di guida, in grado di assicurare sempre una distribuzione ottimale, dei carichi dell'auto, a tutte le andature. In più, c'è la possibilità di sollevare l'auto, per entrare e scendere con maggiore comodità. La nuova Panamera è già ordinabile, a prezzi che partono dai 112.182 euro, ma per la Turbo E-Hybrid ce ne vogliono almeno 198.632. Le consegne in Europa sono previste per marzo 2024.

Panamera-2
Panamera-3
Panamera-4
Panamera-5

Giovanni Massini, romano, classe 1956, professionista, laureato in Legge nel 1979. Inizia a scrivere di motori, infrastrutture e trasporti nel 1990, per diventare presto capo redattore, presso la rivi...