Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Suicidio assistito. La scelta più difficile. Il caso Laura Santi

Laura Santi La perugina Laura Santi

Ho conosciuto Laura Santi 22 anni fa, nel 2001, quando iniziò a collaborare con il nostro giornale per le cronache di Perugia. Sognava di diventare giornalista. E, poi, ci è realmente diventata. La sua storia, da quel 2001 a oggi, l'ha vista impegnata in numerosissime attività, anche e soprattutto di carattere sociale, spesso non traendone neppure alcun guadagno economico, perché portate avanti con lo spirito e la volontà di essere d'aiuto a qualcuno: a chi era in difficoltà. Poi, improvvisamente, qualcosa è cambiato. E, da qualche anno, in difficoltà c'è lei. Ed è lei, oggi, a chiedere aiuto. Anzi, a implorare aiuto.
La realtà che deve affrontare tutti i giorni, ormai da molto, troppo tempo, è incommensurabile per chi non la vive o non l'ha vissuta direttamente sulle proprie spalle o, comunque, conosciuta da vicino.
Laura non può più muoversi, se non sostenuta e accompagnata. Non può viaggiare. Le è impossibile, fare anche cose che per altri sono banali, come uscire da casa per respirare aria pulita e guardare un tramonto, se non da un letto e attraverso una finestra. Addirittura rispondere al cellulare che squilla è diventata, negli ultimi giorni, una montagna impossibile da scalare.
Laura porta sulle spalle una croce davvero pesante. E, con lei, chi le sta a fianco.
Da cristiano non posso scrivere che ha diritto di morire, come lei chiede. E neppure da semplice essere umano. Con le lacrime al volto, mentre tornano alla mente il sorriso e gli occhi di Laura, non riesco nemmeno a pensarlo .
La vita viene prima di tutto. Così mi è stato insegnato. Così è, perché ne sono convinto. Perché, comunque, ho visto anch'io, anche se in rare occasioni, la morte da vicino. E so qual è la differenza tra esserci e non esserci. Vedere, ascoltare, pensare, scrivere, leggere, viaggiare. E, almeno finora, grazie al caso e alla fortuna, ho vissuto una vita che ritengo sia valsa da vivere e che vorrei continuare a vivere. Con pochi rimpianti; sempre con il desiderio di conoscere ogni giorno, ogni ora e ogni minuto qualcosa di nuovo.
Per tutto questo e anche per molto altro, per tutte quelle cose mi danno gioia di vivere e l'energia per affrontare anche le situazioni più difficili che, come me, chiunque altro di noi quotidianamente ha, non potrei mai accettare di dover chiudere gli occhi e staccare la spina o un contatto con questo mondo. E, a me stesso, dico e ribadisco anche ora che non lo farei nemmeno davanti alla più grande sofferenza. Ma delle domande me le pongo, perché il cuore si spacca e viene anche a mancare il respiro al solo pensiero di quanto lei sta affrontando: tutto quello che la vita a me mette a disposizione, Laura lo ha ancora? E, soprattutto: è giusto che sia io e non lei a scegliere? E se le stessimo togliendo anche l'ultima libertà?
sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Sergio Casagrande inizia l'attività giornalistica all'età di 14 anni, nel 1981, come collaboratore de Il Tempo e della Gazzetta di Foligno. E' stato il più giovane pubblicista (1985), il più giov...