Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Ora bisogna riportare in Italia Chico Forti, che sicuramente non sarà ingrato

Chico Forti Chico Forti

All'appello manca Chico Forti. Perché non c'è solo quel Patrick Zaki, egiziano smemorato e scarcerato con la grazia del leader del suo paese, Al Sisi. Un capitolo da chiudere al più presto perché certo è difficile accettare un atteggiamento di così scarsa gratitudine nei confronti del governo di uno Stato diverso dal suo, l'Italia, che è riuscito a convincere le autorità del Cairo a liberare il detenuto. Ma ognuno è fatto a modo suo, e pazienza. Ora però è ancora più importante chiudere il capitolo Forti, che Luigi Di Majo lasciò aperto anni addietro. Si tratta dell'italiano recluso da oltre vent'anni in America, a seguito di una condanna per omicidio. Aldilà del fatto che il reato non è mai stato ammesso, quello che da tempo si chiede dal nostro Paese è di fargli scontare la sua pena nelle carceri italiane.
Quel che si sa - nei segreti che hanno sempre uno spiffero nel quale si infilano e poi fuoriescono - la trattativa tra le autorità dei due paesi non si è mai interrotta. E chissà se Giorgia Meloni potrà inserire il caso di Chico Forti nell'agenda che squadernerà alla Casa Bianca la prossima settimana, quando sarà ricevuta in forma ufficiale dal presidente Biden. Certo è che nessuno - soprattutto dopo la liberazione di Zaki e il suo incredibile atteggiamento verso il governo italiano - si farà scucire una parola di bocca sul caso americano. Anche perché Forti era dato per prossimo all'arrivo in Italia già nel 2020. E da allora poi non è accaduto nulla di concreto, almeno per quanto se ne possa sapere. E se ne è ricavato il sapore amaro della presa in giro, sia per il detenuto sia per quanti ne hanno seguito le vicende, convinti di un errore giudiziario. Ma innocente o colpevole, l'Italia ha battuto la strada del trasferimento in un nostro carcere. Chissà che non sia la volta buona.