Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Taxi in Umbria, ad Assisi costa di più che a Perugia

Taxi in Umbria, ad Assisi più cari I taxi ad Assisi più cari che a Perugia

Prendere un taxi in Umbria è più caro ad Assisi che a Perugia. E anche Terni costa di più rispetto al capoluogo di regione. A stabilirlo, con uno studio che analizza le tariffe di tutte le auto bianche nelle città d'Italia è stata l'Autorità di regolazione dei trasporti (Art), che vigila sui servizi non di linea e verifica la corrispondenza dei livelli di offerta del servizio taxi, dei prezzi e della qualità delle prestazioni, per garantire il diritto di mobilità degli utenti. Lo ha fatto monitorando il servizio di 141 italiane tra cui le tre umbre. Assisi ha un costo medio per la corsa breve (percorso urbano di 5 chilometri per una persona con un bagaglio in una mattinata feriale e una sosta di cinque minuti) di 13,30 euro, più alto di Milano (12,50) e Napoli (12,20). La più cara in questo segmento è Ferrara (17,60), seguita da Taranto (17,20) e Torino 16,70). A Roma e Firenze, una corsa breve costa - rispettivamente - 15 e 14,80, occupando la stessa fascia di prezzo di Assisi. Perugia invece è tra le città più economiche con 9,20 euro (ma più di tutte Padova con 6,90).
Per quanto riguarda invece il segmento delle corse lunghe, la rilevazione è stata fatta una standard d 10 chilometri (con sosta di dieci minuti). In questo caso, la città più cara d'Italia è risultata Venezia con 30,20 euro, seguita ancora da Taranto e Novara (entrambe 27,50) e Bolzano (27,3 euro). A Roma una corsa da dieci chilometri viene pagata 24,80, a Milano 23,80 e ad Assisi - sempre la più cara tra le umbre - 23,20. La corsa lunga a Terni costa 21,60 euro mentre a Perugia - ancora tra le più economiche - 15,80.
Art spiego che nei prezzi sviscerati nello studio ci sono numerose variabili tra supplementi vari (tipo il gelo o lo scatto bandiera, l'importo fisso del servizio presente nella maggior parte delle 141 città prese in esame).
In realtà la classifica non è alla pari. Perché i tariffari delle città che hanno partecipato al monitoraggio hanno "età" diverse. Ce lo spiega Andrea Cappella di Uritaxi Umbria: "Nella nostra regione le tariffe applicate hanno date diverse. Ad Assisi per esempio è stata aggiornata nel luglio 2022, il tariffario di Terni risale al 2012 mentre quello di Perugia addirittura al 2008. A Perugia applicando l'indice di inflazione di quindi ci anni occorrerebbe aggiungere un aumento del 17%" che porterebbe dunque Perugia a sfiorare gli 11 euro e più in linea con altre città dell'Italia centrale. "Il paragone con città del nord secondo me regge poco: il costo della vita è più elevato, c'è più traffico...". Cappella poi annuncia un nuovo tariffario per Perugia a brevissimo: "Abbiamo avviato l'iter prima del Covid, il passaggio ad Art è stato più lungo del previsto e ora manca quello in Comune. Sono previste importanti novità: tariffe fisse per l'ospedale dal centro e dalla stazione, sia per l'andata che per il ritorno. Uno sconto del 30% per i portatori di handicap e per donne sole o con bambini, dalle 21 alle 4 , il famoso taxi rosa".

Nicola Uras, classe 1980, fa parte della redazione cronaca. Nato in Sardegna, a Nùoro (rigorosamente con l'accento sulla u), ha però ormai trascorso più di metà della sua vita in Umbria. Laureato ...