Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Trasimeno, il pedofilo 33enne evade dai domiciliari per tre ore. Denunciato, rischia il carcere

bambina molestata

"Tutti mi avevano spiegato che non dovevo uscire di casa, ma la mia salute è più importante, avevo bisogno di prendere aria e fare una passeggiata". Eccola la spiegazione dell'evasione dai domiciliari che il maestro 33enne di Jesi arrestato per pedofilia e, per l'appunto, collocato agli arresti domiciliari col braccialetto elettronico nella casa di famiglia di Jesi, fornisce. L'evasione, che al momento gli è costata una denuncia ma potrebbe ben presto portare all'inasprimento della misura cautelare, è durata tre ore. "Il mio assistito - dice l'avvocato Stefano Migliorelli - ha bisogno di essere seguito e curato, chiederemo già da oggi la sostituzione degli arresti domiciliari con una detenzione curativa".

Francesca Marruco, classe 1980, giornalista professionista è redattrice al Corriere dell'Umbria. Si occupa principalmente di cronaca nera e giudiziaria. Dalla pandemia in poi, che ha costretto tutti ...