Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Morto Alvaro Valsenti, simbolo della Resistenza di Terni. Aveva appena compiuto 99 anni

Alvaro Valsenti Alvaro Valsenti si è spento a 99 anni

A Terni è morto Alvaro Valsenti, partigiano, considerato la memoria storica della Resistenza. Aveva da poco compiuto i 99 anni, in gran parte dei quali è stato un vero e proprio punto di riferimento della sinistra. Autore di numerose pubblicazioni, nel dopoguerra è stato un simbolo della nuova classe politica del territorio. "Se ne va uno degli ultimi protagonisti della generazione che lottò per un'Italia libera, democratica, progressiva - scrive la sezione 13 giugno dell'Anpi di Terni ? Ne ricordiamo la figura e l'appassionata militanza protrattasi per oltre 80 anni: dall'impegno antifascista, neppure ventenne, durante la Resistenza, ai molti anni di militanza nelle organizzazioni democratiche della classe lavoratrice, nei partiti, nell'associazionismo e nelle istituzioni cittadine. Fino all'ultimo, ricordiamo i suoi recenti interventi il 17 marzo in occasione della commemorazione della morte di Luigi Trastulli e l'8 settembre nell'80° anniversario dell'inizio della Resistenza". Profondo cordoglio è stato espresso anche dal Partito Democratico: "Lascia un grande vuoto nelle fila del suo partito e di tutto il movimento antifascista, che Alvaro ha animato per tutta la sua lunga vita. Ci resta di lui un patrimonio di memoria e di impegno, un patrimonio che onoreremo, ci restano i suoi tanti libri che ci trasmettono, come ammaestramento, la cronaca delle vicende e delle lotte per il progresso dei lavoratori che lui ha attraversato da protagonista per quasi un secolo. La sua, vogliamo ricordarlo ancora una volta, è stata una vita di impegno civile e di militanza rigorosa e generosa, ma soprattutto una lunga vita spesa al servizio della città di Terni, della gente dell'Umbria, della democrazia italiana, della pace e della difesa delle classi più disagiate, senza risparmio, senza pause, senza tentennamenti".