Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, manomettono bancomat per rubare soldi. Scoperti da un finanziere fuori servizio. Denunciato

il materiale sequestrato Il materiale sequestrato dalla guardia di finanza

Tentata manomissione di un bancomat in via Settevalli a Perugia. Ad accorgersi è stato un finanziere fuori servizio intento a prelevare i soldi dallo sportello, senza successo. Ha notato un'anomalia nella fessura di erogazione delle banconote. Era stato installato un marchingegno artigianale, simile a una molletta, in grado di trattenere il denaro. La truffa, dal nome Cash trapping (cattura banconote), consisteva nel far credere un malfunzionamento dell'Atm al cliente. Una volta che si allontana, intervengo i ladri che in pochi secondi si impossessano della cifra prelevata. Il finanziere ha subito allertato i colleghi impegnati nel servizio di pubblica utilità 117 che sono prontamente intervenuti. Nel frattempo, si era accorto del fare sospetto di una donna nelle vicinanze e di un uomo all'interno di un'auto in sosta. I due sospettati, di nazionalità rumena, sono stati fermati e perquisiti dalla guardia di finanza. Sono state rinvenute banconote per circa 500 euro, in tagli da 20 e da 50, numerosi rotoli di nastro biadesivo e un uncino, verosimilmente utilizzati per l'attività criminale. Il materiale è stato sequestrato e i due soggetti sono stati denunciati.


Andrea Pescari dopo la laurea triennale al corso di Scienze della comunicazione dell'Università di Perugia, ha conseguito la magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d?impresa con una tesi su...