Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Perugia, prova per l'elisoccorso: nuove anomalie. Sospetto dispositivi elettronici tra i candidati

elisoccorso prova

Non c'è pace per il concorso che servirà a creare l'equipe per l'elisoccorso, già finito al centro di un'inchiesta della procura di Perugia e di diversi esposti. Alcuni dei quali sarebbero stati depositati proprio negli ultimi giorni e vertono non sulle prove già finite nel mirino di candidati e inquirenti, ma sulla seconda volta in cui è stata fatta la prova psicoattitudinale. Secondo gli esposti, stavolta anonimi a differenza dei precedenti, firmati da diversi candidati, durante la prova sarebbero comparsi tra le fila dei candidati alcuni dispositivi elettronici. Gli esposti anonimi potrebbero quindi confluire nell'unico fascicolo già aperto dalla procura e coordinato dal sostituto procuratore, Mario Formisano, lo stesso che ha anche coordinato l'inchiestona sui concorsi pilotati al Santa Maria della Misericordia. Ad ogni modo questo sembra essere un caso totalmente diverso: non c'è infatti alcuna ipotesi di favoritismi ma il reato, momentaneamente contestato, anche se contro ignoti, è quello di soppressione e distruzione di documenti veri. Durante la prima prova scritta era stata infatti trovata una busta senza più il compito dentro, mentre nella prima poi aperta dalla commissione ce n'erano due. Abbastanza per indagare.

Francesca Marruco, classe 1980, giornalista professionista è redattrice al Corriere dell'Umbria. Si occupa principalmente di cronaca nera e giudiziaria. Dalla pandemia in poi, che ha costretto tutti ...