Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Donatella Colasanti, chi era la sopravvissuta al Massacro del Circeo. Morta per un tumore al seno

Donatella Colasanti Donatella Colasanti, scomparsa nel 2005

E' sopravvissuta al Massacro del Circeo fingendosi morta, ma qualche anno dopo un male incurabile le ha strappato via la vita. Chi era Donatella Colasanti? La sua storia ha fatto piangere l'Italia intera. All'epoca dei fatti aveva 17 anni, era una normalissima ragazza che viveva nel quartiere popolare della Montagnola, alla periferia sud di Roma e frequentava il liceo. Le piaceva uscire con le amiche e si teneva lontana dalle vicende politiche che interessavano il suo Paese. "Tutto è cominciato con l'incontro di un ragazzo all'uscita del cinema", così ha avuto inizio l'incubo di Donatella. "Diceva di chiamarsi Carlo. Ci siamo scambiati i numeri di telefono e ci siamo dati appuntamento per vederci, qualche giorno dopo, insieme ad altri amici. All'incontro erano presenti anche Angelo Izzo e Gianni Guido, che sono riusciti a convincermi ad andare fuori Roma, il giorno dopo". Poi il Massacro del Circeo. La sua amica, Rosaria Lopez, fu uccisa dopo essere stata stuprata e torturata. Anche Colasanti fu violentata e torturata per più di un giorno intero: si finse morta e riuscì a salvarsi. Venne abbandonata a bordo di una Fiat, nuda e coperta di sangue. Un metronotte sentì le sue richieste di aiuto, la trovò e chiamò le forze dell'ordine. Lei subito dopo testimoniò contro i 3 artefici della strage e li fece condannare all'ergastolo.
Dopo un capitolo piuttosto sconvolgente, Donatella è stata una presenza costante nella lotta alla violenza contro le donne. Ha dedicato la sua vita all'arte, alla musica, alle poesie e al teatro. La Regione Lazio ha istituito un premio annuale per le creazioni artistiche, in memoria di Donatella e di Rosaria. Nel frattempo, ha anche fondato un centro antiviolenza a suo nome, La casa di Donatella Colasanti.
Nonostante un'adolescenza segnata dal terrore, ha sempre avuto una passione per i film gialli e thriller, pur reputandoli leggeri per il filtro interposto tra il racconto e lo spettatore.
In merito alla sua vita privata non è mai emerso nulla. Era una donna molto riservata: ha raccontato di un amore spiriturale e di voler condurre la sua esistenza in autonomia "senza - però - aver paura degli uomini".
Donatella Colasanti si è spenta il 30 dicembre 2005, all'età di 47 anni. Il suo cuore ha smesso di battere a causa di un tumore al seno. Prima di morire disse: "Sono una miracolata e ogni giorno devo ringraziare Dio per avermi salvata. Quelli come me hanno il dovere di essere felici".

Classe '97, perugina doc. Dopo il liceo di Scienze Umane, la laurea triennale in Scienze Politiche, poi la magistrale in Scienze della Comunicazione. Dopo il master Social media management a Milano, ...